“In relazione al piano del Governo sulla Giustizia presentato dal ministro Orlando, l’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani esprime alcune
perplessità, pur apprezzando ogni sforzo mirato a semplificare e ridurre il carico di lavoro dei Tribunali”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’AMI.

“Le cause di separazione e divorzio – commenta il matrimonialista – rappresentano il 4% circa del  contenzioso civile. Il diritto di famiglia, pertanto, non incide più di tanto nello sfascio totale in cui versa la giustizia civile italiana. Non si possono sempre fare riforme a costo zero nel nome di una semplificazione che non sempre è sinonimo di qualità del servizio giustizia. Il diritto di famiglia italiano ha bisogno di un Tribunale per la Famiglia. Occorre investire su tale versante perché è proprio la famiglia e le sue tutele il nervo scoperto del nostro Paese”.

E continua: “Quanto alla paventata possibilità degli avvocati di procedere alla separazione e al divorzio dei loro assistiti all’interno degli studi legali, bisogno comprendere bene quali saranno le regole di attuazione. Se
da un lato, infatti, con tale progetto il Guardasigilli attribuisce maggiore prestigio e responsabilità all’avvocatura, dall’altro emergono criticità in caso di procedure di separazione e divorzio consensuali tecnicamente complesse perché caratterizzate da trasferimenti immobiliari o da accordi economici di una certa importanza. Il controllo giurisdizionale anche sugli accordi consensuali è pur sempre una garanzia di presenza dello Stato. Non tutti, infatti, possono permettersi un avvocato specialista che sappia muoversi con dimestichezza tra i cavilli del diritto di famiglia”.

Una risposta a Per il diritto di famiglia occorre una riforma globale

  • Mara Bridi scrive:

    Convengo in tutto sulla proposta dell’AMI. Da anni ho sposato la convinzione della necessitù di un Tribunale per la Famiglia. Sono d’accordo con l’affermazione che “il controllo giurisdizionale anche sugli accordi consensuali è pur sempre una garanzia di presenza dello Stato”, anche se mi preme evidenziare che per come viene svolto oggi nei Tribunali la garanzia è pressochè nulla, per cui….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  carmelo montalbano
    "lamia ex mi aveva denunciato per maltrattamenti i servizi sociali... "
    Leggi tutto...
  •  massimiano
    "sono 15 anni che vivo questa situazione. non possiamo farci... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Dic
15
sab
09:00 Mantenimento e spese straordinar... @ Palazzo SALLEO – SINAGRA
Mantenimento e spese straordinar... @ Palazzo SALLEO – SINAGRA
Dic 15@09:00–13:00
Mantenimento e spese straordinarie nei procedimenti di separazione e divorzio @ Palazzo SALLEO – SINAGRA | Sicilia | Italia
Il Convegno è in corso di accreditamento da parte dell’Ordine degli Avvocati di Patti (n. crediti formativi). La domanda può essere scaricata dal sito www.ami-avvocati.it o ritirata presso l’Ordine Avvocati di Patti e dovrà essere[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio