Lo stabilisce sentenza dei giudici del Tribunale di Foggia.
Al coniuge «traditore» spetterà comunque l’assegno.


FOGGIA — Le «corna» ed il «turpiloquio» non sono più causa di addebito della separazione tra coniugi. Lo ha stabilito una sentenza del Tribunale di Foggia che ha capovolto del tutto la vecchia legge del 1975, interpretando l’adulterio come un semplice effetto e non più una causa – come avveniva in passato – della definitiva perdita della comunione di sentimenti che sono alla base della vita matrimoniale. I giudici foggiani, si legge nel dispositivo, «nel pronunciare la separazione hanno determinato a vantaggio del coniuge, anche adultero, il diritto comunque di ricevere dall’altro quanto necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri».


GIURISPRUDENZA – Una decisione giudiziaria importantee destinata a fare giurisprudenza e, dunque, a diventare legge: una sentenza che stabilisce che l’adulterio ed il turpiloquio non sono più causa di addebito per colpa nelle separazioni tra coniugi. In pratica il coniuge «traditore» avrà diritto all’assegno di mantenimento se versa in condizioni economiche inferiori o se è affidatario dei figli. «In sostanza — commenta l’avvocato Eugenio Gargiulo sulla sentenza — se una moglie, o un marito, si avvicina ad un amante per riceverne affetto e considerazione, ciò, come afferma anche la Suprema corte di cassazione civile, implica una già avvenuta perdita definitiva ed irreparabile dell’affettività con il marito, o con la moglie».


I NUMERI – Una materia, quella delle controversie matrimoniali, molto diffusa nelle aule del Palazzo di giustizia di Foggia. Secondo gli ultimi dati, le separazioni consensuali definite dal luglio del 2010 al giugno del 2011 sono state 55; le separazioni giudiziali sono state 329. Nello stesso periodo i magistrati foggiani hanno definito 115 divorzi consensuali e 120 giudiziali. Con questa sentenza il Tribunale di Foggia si è espresso su un problema su cui dibattono da anni le varie Corti di Giustizia italiane a seguito dei numerosi ricorsi di coniugi adulteri. Da oggi, dunque, il giudice — in una causa di divorzio — dovrà limitarsi a pronunciare la separazione senza alcun addebito, prendendo atto passivamente dell’irreversibile crisi del matrimonio, e quindi di fatto legittimando la coppia all’adulterio. «Una sentenza certamente non aberrante — ha commentato al Corriere del Mezzogiorno l’avvocato Antonio Ciarambino riconfermato alla guida dell’Ordine degli avvocati di Foggia —. Ma, soprattutto, una sentenza che conferma che, ancora una volta, il Tribunale di Foggia fa giurisprudenza anche su casi molto particolari, come può essere certamente quello della separazione tra coniugi»


Corriere.it

0 risposte a Partner infedele? Ha diritto agli alimenti

  • Gianni scrive:

    A quanto pare, la giustizia, “giustizia” sempre più le persone oneste, fedeli e sincere.
    Di solito o teoricamente avrebbe dovuto essere “chi sbaglia paga”, mentre siamo a “chi sbaglia non solo non paga, ma la legge premia dando anche il diritto ad essere mantenute”.
    Non sono un maschilista, ma sono solo per la giustizia reale e vera.
    Inoltre, se possibile sapere, una separazione avviata già dal lontano 2006, ed ancora tutt’oggi da concludere, spero quest’anno corrente, con quest’ultima sentenza del Tribunale di Foggia, avrà effetto o non rientra, in quanto è già fatto da sei anni?.
    In attesa di una Vs. gentile risposta alla mia e-mail, Vi ringrazio e porgo ciordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio