RIMINI – Il padre è finito agli arresti domiciliari dove starà con i figli a lui affidati. E’ la paradossale situazione in cui si trovano due bambini, che hanno visto arrivare la polizia in casa con l’ordine di custodia cautelare spiccato nei confronti del babbo accusato di maltrattare la madre. L’uomo, un imprenditore 61enne del riminese, è stato raggiunto dal provvedimento, eseguito dalla squadra mobile della polizia sabato scorso.


Ma non era la prima volta che l’autorità giudiziaria si occupava di lui. L’uomo, sposato con una donna di 33 anni, aveva avuto due figli ma la relazione era poi naufragata e fra i due erano iniziati i violenti litigi. Al punto che lui, ad un certo punto, ha buttato la moglie con i due figli  fuori di casa. La donna, non sapendo dove trovare rifugio, si era rivolta ai parenti di lui che l’avevano accolta in casa. Una decisione che ha provocato una ulteriore reazione del marito che non solo si è accanita contro la moglie ma anche contro i parenti colpevoli di averla ospitata, e addirittura contro la baby sitter.


Non solo la seguiva ovunque per apostrofarla in malo modo, ma pure le danneggiava la macchina lanciando dei sassi contro la sua auto e pure contro quella della baby sitter. Gli episodi si erano verificati da ottobre a dicembre dello scorso anno ma in precedenza il 61enne era stato già colpito da due provvedimenti della magistratura. Una volta era finito ai domiciliari per aver seguito la moglie in spiaggia, averla fotografata di nascosto e averle toccato il seno e il sedere nonostante il suo netto rifiuto. Prima ancora era stato raggiunto da un ordine di non avvicinarsi alla dimora della donna e dei due figli. All’origine della diatriba la profonda gelosia che l’uomo nutriva nei confronti della giovane consorte.


Finiti davanti al giudice per l’affidamento dei figli minori, il giudice aveva stabilito che i due bambini dovessero rimanere con il padre che, pur comportandosi in quel modo con la moglie, aveva invece un atteggiamento impeccabile con i due bambini.


Ad aver pesato sulla decisione è stato inoltre la convinzione che il marito potesse meglio della madre provvedere ai due figli. Infatti l’uomo abita in una casa molto confortevole. E così i bambini sono stati affidati al padre con la possibilità per la madre di andarli a prendere due giorni alla settimana. Ora che il padre è recluso in casa sarà la baby sitter a dover provvedere al trasporto dei figli a scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Nov
21
gio
15:00 Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Nov 21@15:00–19:00
Bullismo e cyberbullismo, i nuovi volti della violenza tra i giovani @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Evento in via di accreditamento dal COA di Perugia locandina convegno 21.11.2019Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Nov
29
ven
09:00 XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
Nov 29@09:00–Nov 30@18:00
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI - LE PERSONE NELLA RETE: "CONNESSIONE AD ALTO RISCHIO" @ Residenza di Ripetta - Roma
Scarica AMI_ManiROMA_Unico_ev (3) AMI – XI CONGRESSO NAZIONALE_ev (1) Programma Congresso   EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio