Diego Cacciatore morì di infarto il 28 settembre 1999. Era un avvocato geniale, ricco di cultura,non solo giuridica, e di grande umanità. Era uno studioso,un umanista.


Tanti ricordi mi legano a Lui. Soprattutto quelli legati ai Congressi Nazionali dell’Unione delle Camere Penali Italiane. Ho deciso di pubblicare anche su questo sito un articolo che scrissi per Lui all’indomani della Sua scomparsa. Lo scrissi di getto, con una grande commozione. Un piccolo omaggio per un grande. 


§§§§§§§§§§§§§


(Dal quotidiano “Cronache del Mezzogiorno” del 29 settembre 1999)


Tre o quattro giorni fa ho incontrato per strada Diego Cacciatore e la sua compagna.
Siamo andati tutti e tre a berci qualcosa in un bar del centro.
E’ stata l’ultima volta che l’ho visto.
Come sua abitudine con me non ha parlato di lavoro o di processi.
Mi ha parlato della sua vita e dei suoi affetti.
Quella sera mi sottolineò quanto fossero importanti i figli per lui e quanto forte sentisse il senso della sua paternità. Quando aveva uno scambio di vedute con un figlio non aveva più pace.
Era molto preoccupato per la situazione dei giovani avvocati e dell’avvocatura in genere, ma ha avuto il tempo di parlarmi della stima incredibile quanto fondata che nutriva per Cecchino, come uomo e come penalista.
Ma in fondo aveva fiducia nei confronti di tutti i figli che adorava allo stesso modo e dei quali era praticamente schiavo.
Quella sera, questo maestro dell’Avvocatura, quando me ne andai, mi ringraziò di avergli fatto compagnia.
Ed io stupito per tanta umiltà, imbarazzatissimo, gli replicai che ero io a ringraziare lui perché mi aveva reso partecipe dei suoi problemi, come sempre paternamente aveva fatto.
Il rapporto che mi legava con questo avvocato è stato davvero speciale.
Ricordo che una volta fui gravemente minacciato all’Aula Bunker da un presunto esponente di un clan con il quale avevo avuto una discussione e Cacciatore fu il primo a venire da me per darmi il senso della sua solidarietà, invitandomi a bere un caffè con lui. Voleva  assolutamente capire cosa fosse successo.
In quella occasione, questo immenso penalista mi disse: “Guai a te se hai paura a fare questo lavoro…”
Da allora Diego Cacciatore è diventato un riferimento per me ed in tante occasioni si è dimostrato dolcissimo nei miei confronti come se fossi stato un suo figlio adottivo.
Ho condiviso con lui processi importanti ed un memorabile congresso delle Camere Penali a San Nicola Arcella in Calabria nel quale rappresentavamo la Camera Penale di Salerno.
In quel Congresso capii che questo avvocato era un giovane come me che amava la vita, che amava i colleghi e che trattava i potenti e gli umili allo stesso modo.
Era un uomo libero nel senso più nobile del termine.
Era di sinistra, ma come tutti i Cacciatore era profondamente tradizionalista ed attaccato ai valori,  anche quelli  più  inconsapevolmente cristiani.
Cacciatore, Storia del nostro Foro  non saprà mai, veramente, fino a che punto è stato amato da tutti, giovani o meno giovani.
Io ammiravo in lui quella umiltà di ascoltare e di farci sentire importanti, di farci  sentire avvocati.
Gli invidiavo l’arte di superare, sebbene a fatica, i suoi problemi personali e di non farli pesare mai sugli altri e sul lavoro.
Diego Cacciatore era l’”Avvocato” con le sue ansie, con le sue paure, con le sue incertezze, con i suoi dubbi, con il suo orgoglio, con il suo furore.
Con la sua fine se ne vanno tanti segreti del nostro mondo giudiziario e tanti aneddoti che spesso mi raccontava e che sempre mi divertivano.
Non era un rancoroso.
Non riusciva a nutrire sentimenti negativi.
Era un filosofo, un umanista, un disincantato. Era un eterno ragazzaccio.
Era fiero di essere un Cacciatore, ma lo faceva senza superbia.
Per questo anch’io gli ho raccontato della mia vita e dei fatti miei.
Avrei voluto tanto avere un amico come lui, serio e divertente, crudo ma sincero.
Ma purtroppo nella vita le persone che ami,  come spesso accade, ti vengono meno e ti lasciano nella penosa angoscia di ricordarli.
Sarò sempre grato a quest’uomo perché finalmente mi ha dato un modello di un modo di essere a cui ispirarmi e mi ha aiutato a capire ancora meglio  e fare miei gli insegnamenti di mio padre.
Tante cose mi legano a Diego Cacciatore.
Entrambi abbiamo avuto una eredità pesante da difendere e da confermare tutti i giorni in un ambiente difficile.
Ma Diego Cacciatore è un uomo che ha saputo ricominciare daccapo tante volte, mettendosi in discussione sempre, giocando con la  sua esistenza a testa o croce.
Lo faceva nella vita e nei processi.
Per Diego Cacciatore nutrirò sempre una infinita riconoscenza per aver fatto condannare, unitamente a tanti grandi avvocati, chi ha ucciso mio padre Dino.
Di quel processo mi ha raccontato tante cose che terrò per me per sempre.
Vorrei tanto che leggesse queste mie parole. Ma forse lui le ha già lette tante volte durante i nostri lunghi discorsi. Con la sua scomparsa muore, non solo un professionista. Muore uno che ha onorato la sua città.
Ricorderò per tutta la mia vita quest’Uomo con amore e stima così come si fa con genitore o un fratello. Così come tanti.   Gian Ettore Gassani

0 risposte a OMAGGIO A DIEGO CACCIATORE

  • Giuseppe Cacciatore scrive:

    Caro Gian Ettore,
    uno dei miei nipoti (Diego) mi ha trasmesso questo tuo bellissimo articolo su mio fratello Diego. Ebbi modo di apprezzarlo allora quando lo scrivesti (e di commuovermi) e lo faccio anche ora. Tu sapesti cogliere molto più di tanti altri i tratti salienti non dell’avvocato soltanto, ma dell’uomo, del suo attaccamento al lavoro, agli ideali, alla famiglia. Amava la sua professione e amava – come tuo padre al quale era legato da un rapporto sincero di affettuosa amicizia – un ruolo e una finalità dell’avvocatura come servizio ed impegno nella socioetà e nella comunità. Ancora grazie e un fraterno abbraccio
    Giuseppe Cacciatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio