La Corte di Cassazione, sezione penale, con sentenza n. 16559/2007, ha respinto il ricorso proposto da un padre il quale, dopo essere stato dichiarato decaduto dalla potestà genitoriale, riteneva di non dover più contribuire al mantenimento dei figli.
La pronuncia di decadenza dalla potestà genitoriale ex art. 330 c.c., infatti, avviene nel caso in cui il genitore abbia un comportamento tale da recare grave pregiudizio alla prole, ma non esime in alcun modo dall’obbligo di mantenimento.
Nel caso de quo, la Cassazione non solo ha respinto il ricorso presentato dal padre inadempiente, ma ha anche confermato la condanna per il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, così come previsto dall’art. 570 c.p.  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Maria Antonietta Simone
    "Condivido appieno il contenuto del messaggio inviato al Governo dal... "
    Leggi tutto...
  •  Gerardo spira
    "In epoca covid 19. Dopo anni rileggo in questa pagina... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio