Al di la della vicenda personale che ha portato la coppia ad andare all’estero per ottenere la prestazione negata dal servizio pubblico lombardo ( ben 5 viaggi in Grecia), la cosa rilevante per la quale l’ordinanza è degna di particolare nota consiste nel fatto che per la prima volta viene attuata la sent 96/15 della Corte cost che stabilisce un criterio di gravità omogeneo tra l 40/04 e l 194/78 in forza del quale in tutti i casi vi sia una patologia a carico del nascituro che legittimi la donna a eseguire l’interruzione di gravidanza ai sensi dell’art 6 l. 194/78, parimenti viene riconosciuto il diritto della coppia di ricorrere alla PGD e ciò anche in chiave di prevenzione dell’eventuale aborto . In altri termini anche dopo la censura della CEDU nel caso Costa Pavan c. Italia del 2012, viene  affermato il principio, prima logico che giuridico, che è meglio un embrione non trasferito che un feto abortito
E’ facile prevedere come ciò avrà un effetto significativo anche per i nuovi LEA che del tutto impropriamente non prevedono, ove sussista una precisa indicazione medica, la PGD come prestazione essenziale per assicurare una procreazione cosciente e responsabile alla coppia anche in funzione preventiva del ben maggiore pregiudizio, personale e collettivo, derivante da un eventuale successivo aborto terapeutico.
“Questa ordinanza del Trib di Milano che condanna la Mangiagalli a eseguire la diagnosi genetica di pre impianto ovvero a sostenere le spese per farla eseguire da altre strutture abilitate, dimostra come la PGD su malattie gravi rappresenta una prestazione essenziale di assistenza . In altri termini in linea con la sent. 96/15 della Corte Cost. vi è un criterio omogeneo di gravità della patologia, dell’embrione (ex legge 40/04) come del feto (ex legge 194/78), in forza del quale a tutela della salute della donna sussiste la pretesa ad effettuare la diagnosi genetica sull’embrione prima, per evitare un aborto terapeutico del feto, dopo.
Concedere alla donna una tale possibilità non può rientrare  nella discrezionalità dell’azienda sanitaria essendo parte del diritto soggettivo alla procreazione cosciente e responsabile per il quale non può sussistere differenza tra riproduzione naturale o medicamente assista
Da oggi ove sussista un criterio di gravità nella patologia tale da teterminare l’aborto terapeutico (art 6 l 194/78) il Centro di PMA pubblico su richiesta della paziente dovrà (non potrà) effettuare la PGD direttamente ovvero rimborsare alla coppia le  spese sostenute in altra struttura per il suo svolgimento.
Avv. Prof. Gianni Baldini (Presidente AMI TOSCANA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
14
ven
15:45 IL DIRITTO PENALE NELLA FAMIGLIA... @ Aula F. Miro Tribunale di Taranto
IL DIRITTO PENALE NELLA FAMIGLIA... @ Aula F. Miro Tribunale di Taranto
Giu 14@15:45–19:00
 Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio