Gassani: “Strana decisione, punisce l’infedeltà coniugale virtuale mentre oltre il 50% dei tradimenti reali non è sanzionato”.


Il principio sancito nella recente sentenza n. 22677 della Corte di Cassazione ha colpito l’opinione pubblica anglosassone. Alcuni tra i maggiori organi di informazione britannici hanno approfondito l’argomento relativo alla sentenza di dichiarazione di nullità ecclesiastica dei matrimoni “inficiati dalla teorizzazione della infedeltà e delle coppie aperte” delibata in Italia attraverso ratifica della Cassazione, raccogliendo il parere dell’avv. Gian Ettore Gassani, presidente nazionale Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani. L’argomento è stato affrontato nell’odierna edizione del The Guardian e dalla BBC World: “La sentenza della Suprema Corte è sicuramente un precedente giurisprudenziale importante perché ratifica una decisione del Tribunale ecclesiastico che punisce il cosiddetto ‘processo alle intenzioni’. In buona sostanza – ha detto Gassani – la Suprema Corte di Cassazione avalla il principio secondo cui laddove un coniuge dichiari di preferire la cosiddetta ‘coppia aperta’, anche senza consumare l’infedeltà, pregiudichi il rapporto fiduciario tra gli sposi tanto da giustificare, addirittura, la dichiarazione di nullità del matrimonio per ‘riserva mentale’. La delibazione di tale sentenza ecclesiastica, da parte dei giudici della Suprema Corte, si pone in contrasto con i consolidati orientamenti giurisprudenziali italiani secondo cui l’infedeltà coniugale (quella realmente consumata) può essere sanzionata soltanto a condizione che essa sia la causa e non la conseguenza di una crisi già in atto del matrimonio. Di fatto oltre la metà delle infedeltà consumate non viene sanzionata dai giudici italiani proprio per le ragioni di cui sopra: risulta infatti difficile provare il nesso di causalità tra l’infedeltà coniugale e la collocazione cronologica della crisi”. Il nostro sistema codicistico – ha continuato Gassani – sta cedendo il passo ad una nuova cultura giudiziaria caratterizzata dalle più svariate interpretazioni dei giudici di merito e di legittimità che stanno disorientando gli operatori del diritto sul piano della prevedibilità dei provvedimenti giurisdizionali”.


 


Alla domanda dei giornalisti inglesi di conoscere se il provvedimento della Corte di Cassazione fosse dipeso da una radicata cultura cattolica nel nostro Paese, l’avvocato Gassani ha risposto: “L’Italia resta un Paese profondamente cattolico; indipendentemente da ciò i giudici italiani tendono a ratificare gran parte dei principi dei loro colleghi ecclesiastici”.   


              


 

0 risposte a Nozze nulle se moglie teorizza l’infedeltà, grande interesse dell’opinione pubblica inglese per la sentenza della Cassazione

  • luigi morelli scrive:

    s**** simili li teniamo solo da queste parti…percio’ il mondo intero guarda a noi…facciamo meraviglia..siamo straordinari….a prescindere che l’avete creato voi questo principio perche’ non esiste( e non puo’ esistere in nessun ordinamento scritto positivo ..italico o internazionale)sanzionata l’intenzione…..rileggetevi a parte i libri un’altra volta ma soprattutto “psicopatologia della vita quotidiana di freud e se trovate il tempo andate dallo psicoanalista..e’ una ..suprema corbelleria….CONVINCETEVENE……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook1Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio