Il marito ottiene la ripetizione della somma ricadente nel regime patrimoniale della comunione

Risulta illegittimo l’uso del denaro comune per fini personali da parte della moglie, la quale è tenuta a restituire la somma utilizzata per gli anticipi dell’acquisto di una casa, intestata soltanto a suo nome. Lo ha sancito la Cassazione che, con la sentenza n. 9859/12, pubblicata il 15 giugno, ha dichiarato inammissibile il ricorso di una donna contro la decisione della Corte d’appello di Perugia con la quale è stata condannata al pagamento di quasi 30 mila euro al marito, relative al denaro utilizzato dalla stessa per il pagamento di acconti per l’acquisto di una casa, solo a lei intestata. La prima sezione civile della Suprema corte, in linea con la Corte umbra, ha ritenuto che l’utilizzo delle somme utilizzate dalla donna per gli anticipi dell’acquisto della casa, essendo in comunione di beni, è risultata illegittima e dunque, lecito il risarcimento, ritenendo inammissibile il ricorso. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio