Il Tribunale di Roma (sent. n. 6432/2016) ha stabilito che non è reato l’aver aperto e letto i messaggi presenti sul cellullare del partner.
Precisano i giudici che la condotta è lecita allorquando l’apparecchio telefonico è lasciato incustodito in casa.
In tale ipotesi vi è un affievolimento della tutela della riservatezza in quanto, in costanza di convivenza, si presume che gli oggetti presenti in casa possano essere utilizzati da entrambi i coniugi. Caso diverso è quello riguardante l’ipotesi in cui il cellullare fosse provvisto di codice di accesso. In tal caso, nell’ipotesi di utilizzazione dei dati personali, vi sarebbe la configurazione del reato poiché mancherebbe la presunzione tacita di autorizzazione all’utilizzo del bene.
Questa sentenza ha rilievo anche nell’ambito della separazione coniugale, ove per l’appunto, i messaggi che dimostrerebbero l’infedeltà e ottenuti in tal modo potranno essere utilizzati nel processo, ai fini dell’addebito, poiché non carpiti illecitamente.
Avv. Claudio Sansò
Coordinatore Nazionale AMI
Presidente AMI Salerno
Fonte: laleggepertutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Maria Carmela Zizzi
    "Sono una nonna italiana che non vede i nipotini-figli di... "
    Leggi tutto...
  •  Marianna
    "Buonasera dove trovo il testo integrale del vademecum per la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio