Lo afferma il Tribunale di Caltanissetta (presidente Cammarata, relatore Balsamo) in una sentenza dello scorso 30 dicembre 2015.

La causa è stata promossa da una donna che ha chiesto la separazione dal marito accusandolo anche di aver violato i provvedimenti provvisori del presidente del Tribunale, non aver versato l’assegno di mantenimento e aver interrotto gli incontri con i bambini. Così ha chiesto la decadenza o la limitazione della responsabilità genitoriale del padre, e comunque l’affidamento esclusivo della prole.

Dal canto suo, l’uomo ha sostenuto di non aver potuto adempiere all’obbligo di mantenimento a causa della disoccupazione e aggiunto che le visite non erano state regolari per l’atteggiamento ostile della moglie. Una tesi che non ha fatto breccia sul giudice che ha accolto la richiesta di affidamento esclusivo della madre.

Tratto dal Sole 24 ore

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio