Il papà separato non è obbligato a mantenere i figli «bamboccioni», ovvero i maggiorenni che non si sono impegnati a scuola quanto meno per prendere un diploma, che non lavorano e non cercano nemmeno di farlo. È quanto deciso dal collegio presieduto da Ernesto D’Amico che ha rigettato la richiesta di una signora separata che chiedeva il mantenimento per i due figli, di 22 e 24 anni, che non fanno nulla. Non studiano e non lavorano.  Un tema che la Cassazione ha già affrontato con diverse pronunce, chiarendo che l’indipendenza economica consiste nel «percepimento di un reddito corrispondente alla professionalità raggiunta collegata allo svolgimento di un’attività lavorativa remunerata» ma l’obbligo del genitore non può durare a vita.

Un principio che in una causa di separazione il tribunale di Verona ha applicato rigettando la domanda avanzata da una ex moglie per ottenere un contributo dal coniuge per il mantenimento dei figli maggiorenni. Al collegio presieduto da Ernesto d’Amico si chiedeva di valutare a chi addebitare la fine del matrimonio, l’assegnazione della casa, con gli arredi, alla signora, e il contributo al mantenimento dei figli mediante il versamento di 700 euro al mese.

Riguardo ai figli il Tribunale ha osservato che «il mantenimento di un figlio si giustifica nei limiti del perseguimento di un progetto educativo e di un percorso di formazione. Nella specie», prosegue la sentenza, «i due ragazzi non hanno conseguito il diploma, non risultano essere proficuamente impegnati in un percorso di studi, non risultano svolgere attività lavorativa e nemmeno essersi attivamente impegnati per il reperimento di un’occupazione». In particolare il figlio già nel 2015 non studiava, non ha proseguito gli studi e non lavora, la figlia non ha superato la quarta superiore e non ha il diploma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Ott
18
ven
09:15 Filiazione, nuovi diritti, ruolo... @ Lecce, Aula magna Vittorio Aymone della Corte d'Appello
Filiazione, nuovi diritti, ruolo... @ Lecce, Aula magna Vittorio Aymone della Corte d'Appello
Ott 18@09:15–18:30
Filiazione, nuovi diritti, ruolo del terzo genitore @ Lecce, Aula magna Vittorio Aymone della Corte d'Appello
Evento accreditato dal COA  di Lecce con 6 crediti formativi di cui uno deontologia. CONVEGNO 18 10 2019_Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Ott
25
ven
15:30 Prospettive di tutela della viol... @ 25.10.19 Lagonegro, Tribunale - 26.10.19 Maratea, Palazzo de Lieto
Prospettive di tutela della viol... @ 25.10.19 Lagonegro, Tribunale - 26.10.19 Maratea, Palazzo de Lieto
Ott 25@15:30–Ott 26@11:30
Prospettive di tutela della violenza domestica e di genere @ 25.10.19 Lagonegro, Tribunale - 26.10.19 Maratea, Palazzo de Lieto
Evento accreditato dal COA di Lagonegro e dall’Ordine degli Assistenti sociali della Basilicata. Invito_ottobre_Lagonegro_Maratea_ 25-26-10-19Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio