Risulta dall’ufficio statistica del ministero della Giustizia che nel 2014 le cause di separazione consensuale finite sui tavoli dei giudici sono diminuite, rispetto all’anno prima, del 4%, contro un aumento del 2% delle separazioni giudiziali.

La diminuzione del contenzioso non riguarda solo le crisi familiari, ma investe tutta la giustizia civile, che nel 2014 ha “perso” più di 170mila ricorsi, il 2% in meno rispetto al 2103.

Il ministero dell’Interno, su input di quello della Giustizia, ha monitorato l’attività degli uffici di stato civile di 15 Comuni, che rappresentano il 30% dell’intero flusso di lavoro di quelle amministrazioni, e ha rilevato che lo scorso gennaio sono state presentate 80 richieste di separazione stragiudiziale, diventate 180 a febbraio. Proiettando questi dati – comunque destinati, se ci si attiene all’andamento dei due mesi, a crescere – si ottiene che circa 6mila coppie sono intenzionate a separarsi senza andare in tribunale.

Fonte

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2015-04-20/il-divorzio-si-separa-tribunali-080647.shtml?uuid=ABwsqGSD

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio