La donna rifiutava anche di seguire il coniuge durante i suoi spostamenti di lavoro Perderà il diritto a ricevere tremila euro dall’ex marito


Niente assegno familiare per la moglie che si è rifiutata di condividere il letto con il marito durante gli ultimi anni di matrimonio. Così si è espressa la Cassazione sul caso di una donna che ha deciso di non “condividere con il marito il talamo coniugale”, rifugiandosi nella stanza del figlio. Fra i motivi della sentenza, anche il fatto che la donna si rifiutava di seguire il marito in due città diverse da quelle di residenza, dove l’uomo trascorreva, per ragioni di lavoro, gran parte della settimana.
Per la Cassazione la moglie, perderà il diritto a ricevere 3000 euro di assegno mensile dall’ex marito, così come precedentemente stabilito dalla Corte d’Appello di Torino. La Suprema Corte infatti ha confermato che la colpa della fine dell’unione è da attribuire alla signora, che non solo non dormiva e non voleva avere rapporti fisici col coniuge, preferendo dormire nella camera del figlio, ma rifiutava anche sistematicamente di trasferirsi da Ivrea (dove i due abitavano) nelle altre città italiane, come Firenze e Reggio Emilia, dove il marito veniva spostato per lavoro. In compenso, però, Elena passava lunghi periodi nella sua casa di Viareggio e affidava il figlio ai parenti.
In primo grado, alla donna era stato riconosciuto il diritto a ricevere l’assegno di mantenimento ma, in appello, era stata dichiarata “colpevole”. La donna aveva poi fatto ricorso alla Cassazione, ma si è vista rispondere allo stesso modo dai giudici della Suprema Corte, che hanno confermato questo giudizio.


La Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio