La violenza in famiglia sta diventando sempre più brutale
e, in Italia come in altri Paesi europei, negli ultimi anni
le vittime non sono più solo donne o mogli. L’ultimo
grave episodio di sangue, che ha visto come protagonista la
sessantunenne Laura De Nardo, che per motivi di eredità ha
premeditato con tre complici l’assassinio del marito, il
settantunenne Eliseo David, desta una preoccupazione
fortissima atteso che non si è trattato di un omicidio
passionale o di impeto quanto di una questione di danaro
legata alla cospicua eredità. Ancora più agghiacciante
è la circostanza, emersa dalle indagini, secondo cui, nel
mentre veniva assassinato il marito, la donna nella stessa
abitazione, ed a pochi metri di distanza, navigava
tranquillamente in internet.

Secondo i dati dell’Osservatorio dei Comportamenti e della
Devianza diretto dal prof. Vincenzo Mastronardi
dell’Università Sapienza di Roma, in Italia il 75% delle
vittime assassinate in famiglia sono donne, il 12.3% bambini
e, sorprendentemente, il 25% uomini.
In media nell’ultimo quinquennio sono stati uccisi dalle
mogli (o compagne) circa 36 mariti (o conviventi) all’anno
(3 al mese). Tali dati dimostrano, così come negli altri
Paesi d’Europa, un preoccupante incremento delle violenze
al femminile.

Anche in Francia si è registrato un fenomeno analogo: nel
2008 ben 27 uomini sono morti sotto i colpi delle loro
mogli, cioè 1 ogni 15 giorni e, secondo i dati dell’OND
(Osservatorio Nazionale transalpino della Delinquenza),
circa 110 mila sono stati gli uomini vittime di violenze
coniugali.

In Inghilterra invece la violenza domestica contro gli
uomini è aumentata del 167 % negli ultimi 10 anni.    

Anche per il reato di stalking il 25% delle vittime è di
sesso maschile ma si ritiene che vi sia un altrettanta
percentuale di episodi di persecuzioni moleste tollerate o
non denunciate dagli uomini per ragioni culturali o di
‘machismo’.

Tali dati, ovviamente, non sminuiscono l’enorme numero di
violenze perpetrate nei confronti delle donne, ma offrono
tuttavia un quadro più completo ed imparziale del fenomeno
delle violenze intrafamiliari. 

Tali efferati crimini, consumatisi in una percentuale
statisticamente rilevante anche attraverso l’intervento di
complici della donna-mandante, fanno comprendere che nelle
famiglie italiane si sta consumando devastante corto
circuito nei rapporti tra coniugi e tra genitori e figli da
cui scaturiscono autentiche tragedie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mag
23
gio
14:30 Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Mag 23@14:30–18:30
Le nuove frontiere dell'avvocato familiarista: il mediatore familiare e il consulente di comunicazione...istruzioni per l'uso @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Evento accreditato dal COA di Bologna (4 crediti formativi di cui 2 in deontologia forense). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
16:00 Natura e funzione dell’udienza p... @ Aula Magna – Ordine Avvocati Castrovillari Tribunale di Castrovillari
Natura e funzione dell’udienza p... @ Aula Magna – Ordine Avvocati Castrovillari Tribunale di Castrovillari
Mag 23@16:00–19:00
Natura e funzione dell’udienza presidenziale nei procedimenti di separazione e divorzio @ Aula Magna – Ordine Avvocati Castrovillari Tribunale di Castrovillari
3 crediti formativi per gli Avvocati Al termine del Convegno, su richiesta, verrà rilasciato attestato di partecipazione. Locandina Convegno AMI 23 maggio 2019Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio