La Corte di Appello di Lecce ha stabilito che in una coppia separata il figlio minorenne, anche se in età pre-adolescenziale, può decidere di non incontrare il genitore non affidatario, senza che questo comporti responsabilità per l’altro genitore. Secondo la sezione promiscua (presidente Boselli, consiglieri Palazzo e Petrelli) «le esigenze di un bambino possono non coincidere con quelle dei suoi genitori».
La vicenda riguarda una bimba oggi dodicenne in affidamento condiviso alla madre, che vive in Puglia. Il padre, che abita e e lavora a Modena, dal 2006 non riesce più ad incontrare la figlia perché questa si rifiuterebbe di vederlo dopo aver appreso di una sua denuncia contro la madre.
La Corte di appello di Lecce ha revocato l’ammonimento inflitto alla madre dal Tribunale civile di Brindisi. Secondo i giudici, la donna aveva violato le disposizioni del giudice della separazione, portando in vacanza la figlioletta invece di consegnarla all’ex coniuge e sostenendo, a propria discolpa, che la bimba preferiva andare in vacanza con lei. I giudici leccesi hanno confermato inoltre l’affidamento condiviso (la madre della bimba aveva chiesto l’affidamento esclusivo della minore).
L’uomo ha deciso di presentare ricorso, perché la sentenza sarebbe in contrasto con la convenzione Onu sui Diritti del fanciullo e con una sentenza recente della Cassazione. Ad esempio, in riferimento alla convenzione Onu, laddove si dice che “il fanciullo, a causa della sua mancanza di maturità fisica e intellettuale, necessita di una protezione e di una cura particolari”; e ancora, che le sue opinioni devono essere prese in considerazione “tenendo conto della sua età e del suo grado di maturità”, per finire al richiamo sulla “responsabilità comune” dei genitori nell’educare il fanciullo. La sentenza andrebbe anche in direzione opposta a quella emessa l’8 luglio scorso dalla Cassazione (VI sezione, n.27995), dove si afferma che “risponde penalmente… la madre che, eludendo il provvedimento del giudice civile in ordine all’affidamento del minore, impedisca al padre di tenerlo con se durante le vacanze nel periodo stabilito”.


IL MESSAGGERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio