IN DISCUSSIONE ALLA CAMERA

Primo via libera in commissione del disegno di legge che rivoluziona il processo civile.
E costituisce il Tribunale per famiglia

La commissione Giustizia della Camera presieduta da Donatella Ferranti (Pd) ha concluso l’esame degli articoli del disegno di legge delega che introduce una rivoluzione nel processo civile. Tra i punti qualificanti del testo ci sono la riforma del processo civile d’appello (decisamente asciugato), le sanzioni più alte per chi intraprende una lite temeraria aprendo una causa con dolo e, soprattutto, una razionalizzazione di varie competenze con la creazione in ogni capoluogo del tribunale per la famiglia che si occuperà in una unica sede di minori, adozioni, divorzi, separazioni e quant’altro riguardi i diritti all’interno del nucleo familiare.

Aumentano le competenze dei tribunali per i minorenni

Oggi il tribunale per i minorenni è un giudice quasi sempre collegiale — composto da due membri togati e due esperti in psicologia o pedagogia — che, oltre alle competenze per i reati commessi dai minorenni, si occupa della protezione della persona del minore in situazioni potenziali di pregiudizio o di abbandono. Ora, con il disegno legge delega appena approvato dalla commissione Giustizia della Camera, si fa un passo in avanti: allargando le competenze dei tribunali per i minorenni, includendovi anche quelle oggi di stretta pertinenza del tribunale civile ordinario. Dunque nel tribunale della Famiglia confluiranno tutti i procedimenti riguardanti i diritti delle persone, e in particolare dei minori, i diritti della famiglia tra cui le separazioni, i divorzi e in genere il contenzioso legato ai rapporti familiari.

Giudici specializzati

Con la creazione del Tribunale della famiglia — dopo il passo compiuto con il Tribunale per le imprese (concorrenza sleale, pubblicità ingannevole, class action, tutela dei consumatori) — viene istituita una specifica articolazione giudiziaria i cui componenti si occuperanno dell’intero settore della famiglia e delle persone in via esclusiva e con un alto tasso di specializzazione professionale. «Per quanto riguarda la famiglia — osserva il relatore Franco Vazio (Pd) — abbiamo pensato che ci fosse bisogno di più coraggio e dunque di dover affrontare la rivisitazione dei riti e soprattutto della ripartizione delle competenze con l’istituzione delle sezioni specializzate per i minori all’interno dei tribunali ordinari».

Tempi lunghi

Il ddl delega — dopo i pareri delle altre commissioni — già dalla prossima settimana sarà pronto per l’aula della Camera, poi ci sarà il voto del Senato che, se non cambierà il testo, darà il via alla fase dei decreti attuativi di competenza del governo. Un percorso molto lungo e pieno di insidie, questo, che potrebbe durare ancora mesi, se non un intero anno.

Tratto da

http://www.corriere.it/politica/16_febbraio_16/minori-adozioni-separazioni-divorzi-tutti-un-solo-tribunale-8f1a174e-d4b2-11e5-8855-fe9a1275bf2e.shtml?refresh_ce-cp

Una risposta a Minori, adozioni, separazioni e divorzi: tutti in un solo tribunale

  • Salvatore Maccarrone scrive:

    Ma la responsabilità dei magistrati frutto del danno causato dalle loro autonome decisioni, magari senza previo ascolto delle ragioni delle parti, è previsto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio