Aumentano le madri che non dichiarano il partner al momento del parto. I dati della Mangiagalli



Con una media di 18 parti al giorno, la Clinica Mangiagalli è il luogo dove sono nati la metà dei milanesi e per il 31 dicembre di quest’anno si stima di arrivare a oltre 6.500 bebè. Punte record a ottobre (676 parti) e un picco massimo datato 6 luglio (33 nascite in 24 ore). In 133 giorni, inoltre, si è superato il tetto dei 20 parti.


A pochi giorni dal Natale la Mangiagalli ha voluto presentare il suo bilancio delle attività. Numeri che confermano l’importanza della clinica ostetrico-ginecologica milanese nel panorama lombardo. E dai dati diffusi alla presenza di Giancarlo Cesana, presidente della Fondazione Ca’ Granda Policlinico; del direttore generale Luigi Macchi, del direttore scientifico Pier Mannuccio Mannucci, del direttore medico del presidio Basilio Tiso, del direttore del dipartimento per la salute della donna, del bambino e del neonato, Luigi Fedele, del direttore dell’Uo di Ostetricia e ginecologia, Giorgio Bolis e del direttore dell’Uo della terapia intensiva neonatale Fabio Mosca, è emerso un ritratto inedito delle neomamme milanesi. Con una novità: una mamma su cinque non dichiara partner.


Non barrano la casella padre, al momento del parto, le 1.298 mamme della Mangiagalli decise a crescere un figlio che porta il loro stesso cognome. Di queste 939 (il 72,3%) sono italiane, età media 35 anni. Le straniere sono 359 (27,7%), 31 anni in media. «È una rilevazione che facciamo soltanto da qualche anno», spiega Basilio Tiso, direttore medico di presidio della Mangiagalli. «Il dato fa riferimento a quello che le donne dichiarano quando partoriscono», precisa. In teoria «hanno altri 10 giorni di tempo per cambiare idea e dichiarare il partner», ma il trend è in costante aumento: «In 5 anni si è passati da un 8-9% di mamme sole a un 20% circa». I numeri riferiti alle mamme sole, è stato precisato si riferiscono al periodo 1 gennaio-30 settembre 2010, quando il totale parti in Mangiagalli era di 4.736.


A fine novembre di quest’anno bambini nati sono stati 6.138. Fiocchi rosa e azzurri sono quasi alla pari: i maschi sono il 51% e le femmine il 49%. Italiano il 77,5% dei genitori, straniero il 22,5%. In tutto 215 i parti gemellari (3,6%), 6 i trigemini e un quadrigemino per un totale di 5.919 parti.


Sostanzialmente stabili gli aborti (1.440), quasi tutti chirurgici (1.422) e soltanto 18 con la pillola abortiva Ru486. A fronte di un aumento delle richieste di interruzioni volontarie della gravidanza, si è registrato un lieve calo degli interventi. Anche per merito del fondo Nasko lanciato dalla Regione Lombardia, che in appena due mesi ha permesso a 103 donne, intenzionate ad abortire esclusivamente per problemi economici, di tenere il loro bambino. A chiedere l’assegno mensile di 250 euro sono state tutte donne sotto i trent’anni soprattutto straniere (70%).


VITA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio