(ANSA) – ROMA, 21 DIC – «Si avvicina il Natale e, purtroppo, come ogni anno, saremo di fronte al pericoloso fenomeno dei figli contesi che non vengono ‘consegnati’ al genitore. È un aumento esponenziale, quello che si verifica proprio nei giorni tra il 23 dicembre e il 6 gennaio, che arriva a toccare un aumento del 30% di querele e denunce nei confronti del genitore presso il quale i figli risiedono stabilmente, per non parlare delle telefonate al 112 e al 113 per richieste di aiuto e di intervento». Lo afferma Gian Ettore Gassani, presidente dell’Ami, l’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, che invita a «non utilizzare i bambini come bottini di guerra». «Le azioni penali vengono aperte – sottolinea Gassani – perché il genitore ‘collocatario’ frappone evidenti ostacoli al diritto di visita e frequentazione dell’altro genitore, utilizzando anche l’escamotage del certificato medico ‘di favore’ per attestare una malattia del figlio e giustificare la mancata ‘consegna’ di quest’ultimo all’altro genitore». Ogni anno, afferma Gassani, circa 150.000 figli minorenni sono affidati ai genitori nel corso delle nuove separazioni e dei divorzi (circa 85.000 separazioni e 54.000 divorzi). E «mentre nel 70% dei casi queste procedure sono definite in via consensuale, il dato allarmante è che nel 30% dei casi i figli sono motivo di aspra contesa giudiziaria. La conseguenza è che troppe volte i provvedimenti emessi dai giudici non sono rispettati e troppe volte vengono violati i diritti dei figli e di uno dei due genitori a stare insieme nei periodi natalizi, pasquali ed estivi. Circa 30.000 figli ogni anno sono oggetto di vendetta e strumentalizzazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio