Mogli che tradite i mariti, attente! Perché l’infedeltà, non solo rischia di mandare in frantumi un matrimonio, ma potrebbe indurre il consorte a svergognarvi pubblicamente senza che possiate fargliela pagare penalmente. Con una delle sue sentenze destinate a far scalpore, la cassazione ha infatti annullato la condanna a sei mesi di reclusione inflitta dalla corte d’appello di Napoli a un marito che per vendicarsi del tradimento della moglie con il cognato, accecato dall’ira e dalla gelosia, aveva scritto una lettera scabrosa inviandola a 16 docenti universitari, colleghi della moglie, in cui oltre a svelare l’infedeltà, aveva riportato brani molto intimi che la stessa consorte annotava in un suo diario. La donna aveva denunciato tutto e fatto condannare il marito a sei mesi appunto, e al risarcimento economico dei danni morali. Ma secondo i giudici della suprema corte, l’uomo non è punibile in quanto gli è stato riconosciuto di aver agito in preda a uno stato d’ira le cui reazioni, anche se così esagerate, vengono previste e assolte dall’articolo 51 del codice penale. Come dire che l’infedeltà, in cui fatalmente possono incappare le consorti, autorizza chi la subisce a svergognare il partner, senza che per questo debba pagarne le conseguenze penali.


Fonte: TG5.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio