Dopo oltre un anno passato lontano dagli affetti familiari, in una località segreta, senza poter andare a scuola come gli altri bambini, i due figli di Marinella Colombo torneranno in Germania dal padre, a cui erano stati affidati dal Tribunale di Monaco, dopo la separazione dei genitori. Da pochi giorni i piccoli si trovano in una comunità protetta di Milano, sotto la tutela dei magistrati minorili, mentre la madre, che nel corso di un sofferto interrogatorio davanti al gip ha rivelato finalmente dove li teneva nascosti, resta in carcere. Marinella Colombo era finita a San Vittore mercoledì scorso, su disposizione del procuratore aggiunto Pietro Forno e del pm Luca Gaglio, perché, nel febbraio dello scorso anno, era andata a riprendersi i figli in Germania mentre vivevano col padre, Tobias Ritter, portandoli poi lontano da tutto e da tutti in un Paese dell’Est, probabilmente in Polonia. Di qui le accuse di sottrazione di minori, sequestro di persona e maltrattamenti psicologici nei confronti dei due piccoli, di 8 e 12 anni. Il fermo è scattato quando, dopo aver già chiesto e ottenuto per lei la misura di divieto di espatrio, i pm milanesi si erano accorti, grazie a una serie di intercettazioni, che la donna milanese con l’aiuto di alcuni amici – ora iscritti nel registro degli indagati – voleva fuggire in Libano con i figli. Proprio in Libano perché è uno dei pochi Paesi che non hanno firmato la convenzione dell’Aja sulle estradizioni. Interrogata dal giudice per le indagini preliminari Luigi Varanelli venerdì scorso, la Colombo, in lacrime, ha finalmente rivelato dove aveva portato i bambini, che vivevano molto probabilmente con la nonna materna. In una nota del Procuratore della Repubblica dei minori, Monica Frediani, si legge infatti che sabato scorso i piccoli “sono stati messi a disposizione di questa autorità giudiziaria, ed attualmente si trovano in una comunità”, anche grazie alla “collaborazione della famiglia materna degli stessi, che ne ha predisposto il rientro in Italia, consegnandoli alla polizia in territorio italiano”. Nei prossimi giorni, conclude la nota, “saranno valutati tempi e modalità del rientro dei bambini presso il padre in Germania”.


Intanto oggi, martedì, la Colombo e l’ex marito potrebbero ritrovarsi faccia a faccia in Tribunale a Milano. Davanti al giudice Fabio Roia della nona sezione penale, infatti, è fissato l’interrogatorio della mamma, accusata di sottrazione di minori e inottemperanza di un provvedimento del Tribunale per i minorenni nel processo con al centro il primo ‘viaggio’ della Colombo in Germania, datato 2008, per riportare i figli in Italia. Per oggi poi è fissata anche la testimonianza del padre. Il giudice, a lungo, nelle scorse settimane aveva cercato di ‘mediare’ tra le parti per trovare una soluzione conciliativa e a tutela dei bimbi. Ma non è servito. La Procura per i minorenni, comunque, ha deciso: i bimbi devono tornare dal padre, come ha stabilito prima la magistratura tedesca e poi il Tribunale per i minorenni. E per il Gip Varanelli, che ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare, la donna deve restare in carcere, malgrado abbia collaborato a far ritrovare i figli. E ciò, a quanto si é appreso, come misura di estrema prudenza perché la Colombo attraverso la sua ‘rete’ di conoscenza potrebbe fuggire. Il suo legale, infine, l’avvocato Laura Cossar, ha presentato al giudice istanza di scarcerazione.


fonte: Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  cinzia
    "Una sola parola da chi ha subito violensa.....schifo in tutto... "
    Leggi tutto...
  •  Daniela Bianchi
    "Questa storia somiglia a quella di un mio carissimo amico... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Gen
12
sab
09:30 Corso di formazione: Le tracce b... @ Roma - via Casilina 233
Corso di formazione: Le tracce b... @ Roma - via Casilina 233
Gen 12@09:30–Giu 9@15:00
Corso di formazione: Le tracce biologiche sulla scena del crimine @ Roma - via Casilina 233
Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Gen
24
gio
15:00 GLI ASPETTI PATRIMONIALI NELLA F... @ Circolo Unificato dell'Esercito - Bologna
GLI ASPETTI PATRIMONIALI NELLA F... @ Circolo Unificato dell'Esercito - Bologna
Gen 24@15:00–18:00
GLI ASPETTI PATRIMONIALI NELLA FAMIGLIA @ Circolo Unificato dell'Esercito - Bologna
EVENTO ACCREDITATO PRESSO IL CONSIGLIO DELL’ORDINE FORENSE PER N 3 CREDITI FORMATIVI Partecipazione con iscrizione obbligatoria da effettuarsi esclusivamente online sul sito www.amiemiliaromagna.it Convegno 24.1.2019 Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Gen
31
gio
09:00 CORSO DI ALTA FORMAZIONE in “IL ... @ Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Messina
CORSO DI ALTA FORMAZIONE in “IL ... @ Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Messina
Gen 31@09:00–12:30
Il corso è rivolto ai laureati in materie giuridiche, socio-economiche o sociosanitarie, interessati alla qualificazione professionale nella gestione dei conflitti relativi all’esercizio della responsabilità genitoriale propri delle dinamiche familiari anche conseguenti all’annullamento del matrimonio, alla[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio