Corte di cassazione – Sezione I civile – Sentenza 17 gennaio 2014 n. 927   

La I sezione civile della Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 927, ha sancito che Il giudice può ridurre l’importo dell’assegno di mantenimento, allorquando il coniuge obbligato è in precarie condizioni di salute, oltre che anziano.

La motivazione di fondo, alla base della decisione degli Ermellini, è supportata dalla plausibilità che l’onerato, per le cattive condizioni di salute, dovrà affrontare  crescenti spese di carattere medico e assistenziale.

Nel respingere il ricorso, la Cassazione ha affermato che la Corte d’appello, ha giustamente attribuito rilievo alla sue condizioni attuali di salute dell’uomo, documentalmente accertate, che già richiedevano un particolare attenzione sia sotto il profilo dell’assistenza sia delle terapie. Uno stato di cose, ha concluso il collegio, destinato ad accrescersi nel tempo con il “progressivo degrado dello stato fisico”  e gli inevitabili aumenti di spese sanitarie e che giustifica pienamente la riduzione dell’assegno di mantenimento.      

Avv. Claudio Sansò

Coordinatore AMI NAZIONALE

Presidente AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio