La Corte Suprema, ai fini della configurabilità del reato di maltrattamenti in famiglia, dichiara irrilevante la circostanza che destinatario dell’azione delittuosa sia il convivente more uxorio. È quanto stabilito dalla Seconda Sezione Penale con sentenza n. 40727/09 che, allineandosi all’orientamento giurisprudenziale più recente, ribadisce il principio dell’estensione della tutela prestata dalla norma in esame a soggetti non appartenenti al nucleo familiare.
La norma penale di cui all’articolo 572 c.p., pur essendo inserita tra i delitti contro la famiglia – in particolare, tra i delitti contro l’assistenza familiare – ha una portata di più ampio respiro in quanto riguarda condotte che trascendono i rapporti familiari propriamente intesi. Invero, secondo l’orientamento dottrinale e giurisprudenziale dominante, la “famiglia” va in intesa in senso lato come ogni consorzio di persone tra le quali, per intime relazioni e abitudini di vita, siano sorti legami di reciproca assistenza e protezione. Onde si considera oramai superato quell’orientamento volto ad individuare nella famiglia l’oggettività giuridica prevalente della norma in esame; ritenendo, di contro, che oggetto specifico del suddetto reato sono i singoli rapporti di “familiarità”, ovvero quei rapporti psicologici di varia natura intercorrenti anche tra persone fra le quali non vi sia siano legami di coniugio, di parentela o affinità. Di qui l’inevitabile eterogeneità dei possibili soggetti passivi del reato, tra i quali rientrano la concubina, il compagno, il nipote convivente, i domestici.
Gli ermellini affermano che la norma incriminatrice richiamata mira a tutelare la personalità di taluni soggetti anche nell’ambito di rapporti di diversa natura da quelli definiti familiari, quali quelli sorti per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza, custodia e solidarietà per strette consuetudini di vita come, nel caso di specie, in presenza di famiglia di fatto. Alla luce del principio enunciato, la Corte di legittimità, condividendo le decisioni dei giudici di primo e secondo grado, respinge il ricorso proposto dall’imputato; il quale viene condannato, oltre che al pagamento delle spese processuali, al versamento di una somma pari a mille euro a favore della Cassa delle Ammende per aver determinato colpevolmente l’instaurazione del ricorso per cassazione dichiarato inammissibile.


LA STAMPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Feb
5
ven
15:00 “Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
“Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
Feb 5@15:00–18:00
“Il Conflitto familiare – Riflessioni giuridiche e psicologiche” @ Pescara - webinair
Per l’evento verrà presentata richiesta di accreditamento al CNF per il riconoscimento crediti formativi per la formazione professionale continua Avvocati. Per prenotarsi occorre effettuare la registrazione al seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/ WN_Y8G1q528Swu9hQl6m5HQWw . La partecipazione è[...]
Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 14:00 alle 17:00), 34 moduli[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio