Roma, 1 luglio 2010


 


 


La scia di sangue continua ancora.


Non era mai successo che uno stalker si spingesse ad uccidere due vittime contemporaneamente.


Gaetano De Carlo, ieri, ha ucciso Maria Montanaro e Sonia Balcone, in un’autentica giornata di follia.


L’uomo, come è noto, era stato denunciato ben sette volte per stalking.


Occorre, a questo punto, un momento di riflessione su quelle che sono in concreto le misure che la nostra legge pone in difesa delle vittime di persecuzioni moleste.


Il fenomeno è emergenziale perché, nonostante la nuova legge sullo stalking, molte donne continuano a morire per mano di autentici folli.


È evidente che questa legge da sola non basti, come dimostrano le cronache di tutti i giorni.


Se lo Stalker è uno psicolabile può bastare una denuncia, un ammonimento della questura o un mero arresto di qualche giorno?


La risposta è no.


Ogni volta che c’è un caso di stalking, il presunto responsabile dovrebbe essere sottoposto a perizia psichiatrica e nel caso in cui quest’ultimo dovesse essere considerato un soggetto particolarmente pericoloso, occorrerebbe applicargli la misura di sicurezza dell’ O.P.G. (Ospedale Psichiatrico Giudiziario) al fine di neutralizzarlo.


È risaputo che lo Stalker, quando è un pazzo, diventa ancora più cattivo e pericoloso dopo la denuncia.


Si può morire così per colpa di uno psicolabile?


Ma vi è un reale interesse a tutela delle donne nel nostro Paese?


O forse dobbiamo sospettare che la legge sullo stalking sia l’ennesima legge “scatola vuota” prodotta dal nostro legislatore?


La verità è che in Italia vi è un garantismo a senso unico, quasi sempre a vantaggio del carnefice.


Quando furono chiusi i manicomi, tutti i grandi “filosofi” del nostro ipocrita Paese, esultarono perché ritennero che si fosse chiusa una pagina nera dell’Italia.


Nessuno si preoccupò – però –  di introdurre alternative ai manicomi.


Per cui, chiusi quest’ultimi, ci siamo trovati centinaia di migliaia di pazzi per strada con un residuale intervento dei reparti di psichiatria degli ospedali e relativa applicazione dei T.S.O. (Trattamenti sanitari obbligatori).


La mattanza nei confronti di tante donne non è colpa solo di chi le ha uccise, quanto di una cultura buonista ed irresponsabile, del tutto sganciata dalla realtà e del buon senso.


L’AMI si sta battendo per la prevenzione della violenza intra-familiare e contro le donne, come è dimostrato dai nostri continui interventi a mezzo stampa e da una serie di iniziative formative e sociali che hanno trattato il delicato tema (per esempio il nostro ultimo Congresso Nazionale del 29 e 30 gennaio 2010 a Roma).


L’aspetto ancora più agghiacciante è il senso di impotenza e di assuefazione della gente, della politica e di molti mass-media.


Fanno più notizia due mammelle nuove dell’attricetta di turno che un bambino sgozzato del suo genitore o di un pazzo che uccide una donna che lo ha rifiutato.


 


                     


                                                                                Avv. Gian Ettore Gassani


                                                                        Presidente Nazionale dell’AMI


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio