“La puntuale analisi sociologica del Censis senz’altro
offre uno spaccato particolarmente significativo del
radicale cambiamento di costume degli italiani in ambito
familiare. Indicativo è il dato secondo cui il 22,1%
delle persone intervistate dal Censis ha riferito che il
proprio modello fosse il padre”. Così l’avv. Gian
Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli
Avvocati Matrimonialisti Italiani.

“Il nostro Paese – spiega il matrimonialista – da sempre
ha considerato la figura materna del tutto centrale ed
insuperabile dal punto di vista genitoriale , anche alla
luce della sistematica e scientifica defenestrazione del
ruolo paterno che si è consumata dagli anni ’70 fino ad
oggi. Ma l’inversione di tendenza sancita anche dal Censis
è confermata anche nei procedimenti di separazione e
divorzio, atteso che almeno il 20% degli adolescenti
dichiara apertamente di voler vivere presso il padre”.

L’ avv. Gassani parla di paternità “addolcita”,
laddove i padri sono più presenti nella vita dei figli,
meno autoritari e più protettivi rispetto al passato e
commenta l’altro dato significativo dell’aumento
esponenziale delle coppie di fatto: “Negli ultimi 40 anni
il matrimonio italiano ha subito un vero e proprio tracollo,
statisticamente documentato. Si è passati dai 419.000
matrimoni del 1972 ai 217.000 del 2010. Nel biennio
2009/2010 il decremento del numero dei matrimonio è stato
addirittura del 6%”.

“Si tratta di numeri che fanno rabbrividire – osserva il
Presidente dell’AMI – se si pensa che da secoli il
matrimonio in Italia è un’istituzione sacra e
indissolubile. Eppure dei 500.000 bambini che ogni anno
nascono nel nostro Paese, 100.000 sono figli di coppie di
fatto, statisticamente più prolifiche di quelle
sposate”.

“Altro dato importante – afferma Gassani – è che non
solo i matrimoni sono diminuiti nel loro complesso, ma si
registra l’aumento dei matrimoni civili: 85.771 nel 2009.
A Roma, per esempio, gli sposi preferiscono il Campidoglio
alla Parrocchia (il 51%). La città in cui ci si sposa di
più in Comune è Bolzano (60,3% nel 2010) a cui fa da
contraltare Potenza (4,5%).”.

E precisa: “Accanto alle coppie di fatto si aggiunge il
fenomeno delle famiglie allargate (circa 775.000): trattasi
di nuclei familiari composti da separati e/o divorziati con
figli di primo, secondo e terzo letto, da cui scaturisce una
infinita trama di rapporti personali e familiari”.

E sulle cause del tracollo del matrimonio l’avv. Gassani
chiarisce: “ C’è una scarsa politica sociale per le
giovani coppie e una sorta di legittimazione morale (non
ancora giuridica) di altre forme di famiglia che gli
italiani non rinnegano più. Sarebbe il caso che il
legislatore pensasse ad introdurre nuove leggi a tutela dei
diritti anche delle coppie di fatto, atteso che esse in
Italia – come conferma il Censis– ormai rappresentano
una colonna portante delle famiglie”.


0 risposte a L’Italia che cambia: il tracollo del matrimonio e l’aumento delle coppie di fatto

  • GIUSEPPE ORSINI scrive:

    L’aumento delle coppie di fatto, così come statisticamente riscontrato, è il chiaro segnale che gli italiani preferiscono la convivenza more-uxorio al matrimonio. Questo dato, che istintivamente ci porta a considerare la necessità di una legge che regolamenti le convivenze, in realtà è il chiaro segnale che gli italiani non vogliono sposarsi proprio per non avere vincoli legali. Auspicare una normativa che regoli la convivenza, sarebbe come dire a tanta gente:” La vostra vita di coppia deve necessariamente essere regolata da una legge!” Tra l’altro – ma questa è un’antica polemica mai sopita – la legge c’è già, quella sul matrimonio, e non appare necessario promulgare altra legge che non potrebbe che essere una fotocopia mal fatta di norme già esistenti.
    Giuseppe Orsini

Rispondi a GIUSEPPE ORSINI Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Nov
21
gio
15:00 Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Nov 21@15:00–19:00
Bullismo e cyberbullismo, i nuovi volti della violenza tra i giovani @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Evento in via di accreditamento dal COA di Perugia locandina convegno 21.11.2019Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Nov
29
ven
09:00 XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
Nov 29@09:00–Nov 30@18:00
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI - LE PERSONE NELLA RETE: "CONNESSIONE AD ALTO RISCHIO" @ Residenza di Ripetta - Roma
Scarica AMI_ManiROMA_Unico_ev (3) AMI – XI CONGRESSO NAZIONALE_ev (1) Programma Congresso   EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio