ROMA – «I figli sono sempre una gioia e crescere i nipoti è un piacere immenso. Ma esistono allo stesso tempo casi i cui i figli, divenuti genitori si separano e, in un battibaleno, tutte le relazioni familiari vengono compromesse. Quando i legami si sfaldano, tra i soggetti maggiormente lesi (nei sentimenti e negli affetti, prima ancora che nei diritti) si ritrovano proprio i nonni». Così l’attore pugliese Lino Banfi, conosciuto al grande pubblico come Nonno Libero della fortunata serie di Raiuno ‘Un medico in famiglia’ commenta la denuncia presentata dall’Ami, l’Associazione matrimonialisti italiani (Ami), secondo la quale, i nonni italiani assistono 4 milioni di bimbi ma in 16.000 ogni anno sono estromessi dalla vita dei nipoti causa rottura del rapporto tra i genitori. 

«Spesso questi nonni che si trovano in situazioni del genere – spiega l’attore – mi fermano per strada – perchè mi identificano con il nonno d’Italia. Mi chiedono perchè non ci aiuti a fare qualcosa. Fino a ieri potevamo stare assieme ai nostri nipoti poi visto che i nostri figli hanno litigato, noi e i bambini ne dobbiamo andare di mezzo magari per stupide ripicche. Per ricatti. Per dinamiche che a noi sfuggono per la legge che non ci aiuta». 

«Non spetta a me – puntualizza Banfi – contestare le leggi, anche perchè, va detto che più spesso a trovarsi in situazioni del genere sono i nonni dei papà, perchè la legge tende a far stare i bambini con la mamma e io sono un femminista convinto. Ma, allo stesso tempo, ritengo che se un pomeriggio il bambino vuole andare a casa dei nonni, dovrebbe poterlo fare. Ecco io voglio essere il Don Chisciotte di tutti quei nonni e quei nipoti che vogliono trascorrere più tempo insieme».


13 aprile 2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio