“L’infedeltà nella coppia è sempre più tecnologicamente assistita”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

 

“Nel mondo occidentale e soprattutto in Italia – spiega il matrimonialista – i social network stanno contribuendo a sfasciare molte famiglie, perché rappresentano un sistema veloce ed immediato per intrattenere rapporti interpersonali, allacciare nuove amicizie e tradire il partner.”

 

E continua: “Ovviamente non è lo strumento in sé a fare del male, ma è indubbio che amplifichi a dismisura le voglie e le possibilità del fedifrago seriale e di quello occasionale. Secondo una indagine del Centro Studi dell’AMI, basato sull’incrocio dei dati provenienti da molti studi legali, WhatsApp ha superato Facebook in termini di “pericolosità”. Tanto è vero che nel 40% dei casi le infedeltà si scoprono ormai con WhatsApp, che è un modo, ancora più rapido di Facebook e di Twitter, per mandare messaggi ed immagini in tempo reale e a costo zero. Pertanto WhatApp non solo porta all’appuntamento con l’amante ma anche all’appuntamento davanti al giudice.”.

 

Infine: “Controversa è l’utilizzabilità dei messaggi su WhatsApp, che di solito il tradito fotografa e allega come prova dell’adulterio. Sul punto la Giurisprudenza non è univoca e costante, seppure molti Tribunali ammettano messaggini, cuoricini e faccine come dimostrazione del tradimento. Perciò attenzione…un cuoricino o uno smile di troppo possono costare risarcimenti, appartamenti e anni di causa”.

Una risposta a L’infedeltà coniugale tecnologicamente assistita (nel 40% causa di divorzi in Italia)

  • nicola scrive:

    andrebbe approfondita seriamente questa frase”:
    “Controversa è l’utilizzabilità dei messaggi su WhatsApp, che di solito il tradito fotografa e allega come prova dell’adulterio. Sul punto la Giurisprudenza non è univoca e costante, seppure molti Tribunali ammettano messaggini, cuoricini e faccine come dimostrazione del tradimento”.

    sentenze in merito?
    quando si incorre in volazione della privacy e quando no?
    questa prova quando e in quali circostanze è davvero ammissibile ?

Rispondi a nicola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
6
ven
14:00 Convegno “Tutti i giorni …… 8 ma... @ Bologna, Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Convegno “Tutti i giorni …… 8 ma... @ Bologna, Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Mar 6@14:00–19:00
Convegno "Tutti i giorni ...... 8 marzo" @ Bologna, Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Convegno “Tutti i giorni …… 8 marzo”, venerdì 6 marzo 2020, Tribunale di Bologna, Via Farini n.1, ore 14/19 con riconoscimento di 5 crediti formativi di cui 2 in deontologia Iscrizioni su www.fondazioneforensebolognese.it Trattasi di evento multidisciplinare volto a mettere[...]
15:00 Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, aula "Moscato"
Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, aula "Moscato"
Mar 6@15:00–18:00
Modalità e tecniche di ascolto del minore. Opinioni a confronto tra i diversi operatori @ Tribunale di Gela, aula "Moscato"
Evento in via di accreditamento da parte del COA di Gela, dall’Ordine degli psicologi della Sicilia e dall’Ordine degli assistenti sociali. LOCANDINA CONVEGNO AMI DEL 6 Marzo 2020Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio