A distanza di alcuni giorni dalla condanna UE del nostro Paese ritenuto responsabile di aver violato l’art. 8 CEDU, che sancisce il rispetto della vita privata e familiare, per non aver saputo vigilare e garantire, attraverso i suoi organi giurisdizionali, e nella specie il Tribunale per i minori, l’effettiva esecuzione dei provvedimenti emessi in materia di affidamento dei figli, di fatto disattesi e dunque gravemente pregiudizievoli, nello specifico, dei diritti di un padre separato (sentenza Lombardo, 29 gennaio 2013 Corte di Strasburgo); la Corte europea dei diritti umani, ancora una volta invocando a fondamento della sua decisione l’art. 8 CEDU, a conferma di quanto pronunciato il 28 agosto scorso sulla causa Costa-Pavan (il governo italiano si oppose appunto), insiste oggi nella bocciatura della legge n.40/2004 in materia di procreazione assistita, definendo il nostro sistema legislativo “incoerente” e lesivo del fondamentale diritto alla vita privata e familiare, in quanto, da una parte ammette l’interruzione di gravidanza in caso di feto malformato o comunque affetto da gravi patologie (legge sull’aborto n.194/1978), mentre dall’altra e paradossalmente vieta – in sede di procreazione artificiale assistita – ogni accertamento medico preventivo necessario ad evitarla.

Con tale decisione, divenuta immediatamente esecutiva, la Corte ha di fatto aperto le porte nel nostro paese alla procreazione medicalmente assistita tout court, anche per le coppie fertili, non solo dunque sterili o portatrici di gravi patologie virali, nonché alla diagnosi preimpianto per le coppie affette o portatrici sane di malattie genetiche.

Il legislatore dovrà pertanto procedere ad una immediata modifica della normativa vigente in linea con la decisione imposta dalla Corte dei diritti umani.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Avvocato Maria Rosaria Basilone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio