A deciderlo è la Cassazione con la sentenza n. 17941 del 24 luglio 2013, che ha imposto alla donna il rilascio dell’immobile ai proprietari. Sulla valutazione ha pesato il fatto che la casa fosse stata concessa in comodato in virtù del matrimonio del figlio, e, una volta entrato questo in crisi, l’ex nuora ha perso ormai titolo per rimanervi.
Il fatto che l’immobile rappresentasse la residenza coniugale, fa sì che i legittimi proprietari possano richiederne la restituzione una volta finito il rapporto di coniugio fra i due giovani, e che il rifiuto della nuora di liberarlo configuri una occupazione abusiva.
La donna, invero, è anche condannata e risarcire i danni ai proprietari per aver restituito la casa in ritardo, e dal computo non vanno detratte le spese sostenute per i miglioramenti: invero, la donna è parte del rapporto di ‘prestito’ della casa, e il comodatario che ha bisogno di sostenere spese straordinarie per utilizzare il bene può scegliere liberamente se farvi fronte o meno.

E dal momento che lo fa, ciò avviene nel suo esclusivo interesse ed è perciò escluso che possa pretendere dal comodante il rimborso delle somme, anche se gli interventi effettuati comportano evidenti miglioramenti per il bene conteso.
Insomma, una volta venuto meno il matrimonio, il motivo del comodato, la donna non può rimanere nella casa concessa dai suoceri: e al rifiuto di rilasciare l’immobile si configura non una situazione di possesso ma di detenzione abusiva con l’obbligo di risarcire il danno.

Tratto da diritto.it di Lucia Nacciarone

2 risposte a L’ex nuora è obbligata a restituire ai suoceri la casa adibita a residenza coniugale

  • cristina valentini scrive:

    Si ma devono essere piu’ chiaramente definiti i rapporti tra tale statuizione e l’assegnazione della casa coniugale. L’assegnazione costituisce un titolo per il possesso della casa coniugale ed in un ambito giuridico che considera l’interesse dei minori prioritario rispetto a tutto, il rilascio dell’abitazione coniugale potrebbe essere in aperto contrasto con tale interesse giuridicamente protetto. Concesso quindi – alla luce di questa sentenza – che i nonni buttino in mezzo alla strada i propri nipoti?

  • mario scrive:

    assulutamente no , i nonni non devono e vogliono buttare fuori i nipoti , ma aiutare i nipoti ad avere una loro casa dove proseguire il loro vivere sereni senza incorrere alla famose ormai continue guerre tra ex . pertanto trovo giusto la restituzione della casa a patto che si collabori ad una casa in alternativa come peraltro citano le varie sentenze di separazioni . felicità per quei bambini .PENSATE PRIMA ALL’INTERESSE DEI BAMBINI . SONO UN NONNO CHE VIVE LA SEPARAZIONE DEL PROPRIO FIGLIO .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio