“La legge sul divorzio compie quarant’anni dall’assurdo referendum che tentò di toglierla di mezzo”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

 

 “Questa sacrosanta legge – spiega l’avv. Gassani – ha cambiato molte cose in Italia, a cominciare dal modo di pensare e dai costumi degli italiani. Il matrimonio nel nostro Paese era stato per secoli un’istituzione invincibile e indissolubile, attorno alla quale il sistema penale prevedeva il delitto d’onore mentre soltanto in sede ecclesiastica poteva essere dichiarata la nullità di un matrimonio. Da quando è entrato in vigore il divorzio anche in Italia è diminuito in maniera sensibile e significativa il numero dei matrimoni”.

 

E precisa: “Nel 1974 si celebrarono circa 430.000 matrimoni. Nel 2012 si sono celebrati appena 210.000 matrimoni. Dal 1974 in poi in Italia ha avuto inizio un veloce e inesorabile cambiamento attraverso una serie di continue riforme del diritto di famiglia, fino ad arrivare a quella imminente denominata “divorzio breve”. Si è passati dai cinque anni di fase di separazione per ottenere il divorzio ad un anno se passa il disegno di legge (9 mesi se non ci sono figli)”.

 

“La separazione – afferma il matrimonialista –  resta ancora un retaggio del passato. Non si ha il coraggio di abrogarla, come è accaduto in tutta Europa, perché si è ipocritamente convinti che questa pausa di riflessione, imposta per legge, possa salvare molti matrimoni. La realtà è che nel 98% dei casi chi chiede la separazione non torna indietro”.

 

Infine: “Eliminare la separazione significherebbe dimezzare il lavoro dei giudici e i costi e i tempi per i cittadini. E mentre il nostro legislatore studia, gli italiani vanno a divorziare all’estero con procedure snelle e velocissime tipiche dei diritti di famiglia degli altri Paesi”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio