La forte conflittualità tra i coniugi può essere fonte di  gravi ripercussioni psicologiche sui figli. In tali casi la Cassazione (sent. N. 12308/2010) confermando quanto stabilito nel merito, ha stabilito come questo aspetto possa rappresentare un valido motivo per affidare i figli ai servizi sociali. In tal caso, anche se l’affidamento condiviso rappresenta la regola, il Tribunale può provvedere per l’affidamento a terzi in virtù del preminente interesse del minore a crescere in modo sereno ed equilibrato.


 La necessità di consentire ad una minorenne di “elaborare criticamente la sua condizione” e di effettuare autonome scelte che risultavano invece precluse dall’influenza dei genitori, rappresenta, per la Suprema Corte, un punto fondamentale per lo sviluppo del minore. Nel caso concreto la minore  risultava divisa dal desiderio di compiacere entrambi i genitori. L’affidamento ai servizi sociali, in questa ottica, deve rispondere all’esigenza di consentire “una corretta formazione della sua personalità”.


Avv. Claudio Sansò


AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Maria Carmela Zizzi
    "Sono una nonna italiana che non vede i nipotini-figli di... "
    Leggi tutto...
  •  Marianna
    "Buonasera dove trovo il testo integrale del vademecum per la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio