di Anna Maria Sersale


ROMA (10 ottobre) – «Non sapevo dove sbattere la testa, per mesi ho dormito in macchina, passavo la notte sui sedili, la mattina mi svegliavo infreddolito e con le ossa rotte, andavo a lavorare in condizioni pietose. Sono un padre separato, costretto a chiedere asilo ai genitori, a mio fratello, agli amici… Una povertà senza dignità, questa, che non ti permette più di fare il padre. Con la tua ex litighi, perchè è finita, ma con i figli… se non puoi neppure comprargli un gelato, portarli al cinema o fargli il regalo di Natale… ti senti uno schifo». Andrea C., 40 anni, romano, sposato per sette anni, colleziona querele. «Lei vuole distruggermi, tra noi – la voce di Andrea si spezza – è una guerra continua. Mi denuncia perchè non riesco a versare l’assegno per intero. Il giudice ha stabilito che io paghi 1.200 euro al mese, più 500 per la rata del mutuo, ma ad averceli quei 1.700 euro! Ti separi e dovresti reggere due case, impossibile, diventi un barbone…».

Andrea è impiegato in una emittente privata, ha una bambina che oggi ha nove anni, si è separato quattro anni fa: «C’è una sproporzione pazzesca tra il mio reddito e l’assegno di mantenimento, al giudice e a lei non importa, posso finire per stracci… Sì, la casa va a loro, ed è giusto che io dia soldi. Ma come vivo se, dopo avere dato l’assegno, non posso permettermi un tetto?».

Matteo L., 36 anni, due figli, ha una storia analoga: «Ho portato in tribunale la mia busta paga, facevo il corriere a 1.200 euro al mese, il negozio che avevo prima è fallito e i 2000 euro chiesti dal giudice sono impossibili. Mi è crollato il mondo addosso quando ho bussato alla porta dei miei. E non basta. La tragedia vera è che “se non-paghi-non-vedi i figli”, ufficialmente lei ti dice che hanno la febbre, che quel week-end non è il tuo. Ti tagliano fuori. Loro, i bambini, in questo clima avvelenato si allontanano da te».

I fallimenti matrimoniali hanno prodotto un nuovo fenomeno. C’è una generazione di quarantenni che i sociologi hanno battezzato “generazione boomerang”. Stanno tornando nella casa d’origine, confortati dall’abbraccio materno. «Non per avere la camicia stirata e la cena pronta – afferma l’avvocato Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione nazionale dei matrimonialisti – Molti vivono in condizioni di quasi miseria, ho assistito gente finita alla Caritas per un piatto di minestra, la verità è che la separazione rende poveri.

Sono oltre 500mila le persone con più di quaranta anni costrette a chiedere asilo ai propri genitori. La separazione oggi è roba da ricchi. D’altra parte, se la media degli stipendi è di 1.300 euro e ne devi sborsare 800 alla ex, come vivi? Non hai mezzi di sostentamento, sei in condizioni disperate. In questa situazione frana tutto e non si salva neppure il rapporto con i figli. Ecco perché molti padri separati perdono la casa e gli affetti». Se un tempo tornare nella dimora degli anziani genitori equivaleva a dichiararsi sconfitti, ora non più. E quanto sia consistente il fenomeno dei rientri ce lo dice l’Istat, che già nel 2003 aveva rilevato un dato allarmante: il 37,9% delle persone separate o divorziate tra 35 e 49 anni era stata costretta a tornare nella famiglia di origine, con non pochi problemi di coabitazione, con genitori costretti a riaprire le “camerette” e a sostenere economicamente i figli-adulti.

Un boomerang per coppie di anziani che avevano calibrato i loro standard di vita sulla pensione e che all’improvviso hanno dovuto fare fronte all’emergenza. Purtroppo manca una legislazione che tenga conto dei nuovi bisogni delle famiglie, delle coppie che si separano e delle conseguenze delle unioni spezzate. Solo la Liguria ha varato norme ad hoc, dopo che le cifre di chi torna dai genitori sono cresciute in modo esponenziale. Della legge è “padre” Alessio Saso, consigliere regionale del Pdl.

E ora sembra che anche Piemonte e Toscana ne stiano discutendo, mentre in Parlamento il tentativo timidamente abbozzato un paio di anni fa è caduto nel vuoto. Eppure la precarietà dei matrimoni e il numero crescente delle separazioni renderebbero necessari robusti interventi.

Il 25% delle rotture avviene a meno di sei anni dalle nozze, nel 2005 le separazioni sono state 82.291 e i divorzi 47.036. Con un incremento delle separazioni del 57,3% negli ultimi quindici anni. «La povertà dei separati è drammaticamente vera – esordisce Giorgio Vaccaro, avvocato esperto di mediazione familiare – Nell’85% dei casi ci troviamo di fronte a persone in difficoltà economica. Nelle grandi città, soprattutto a Milano e a Roma, gli alti costi degli alloggi rendono quasi impossibile una soluzione. Solo in qualche caso il rientro è “strategico”, le mamme sono una salvezza, però è comunque una decisione dolorosa.

E poi non ci sono solo i matrimoni falliti, c’è chi torna per colpa della crisi e per la perdita del lavoro». Marina Marino, presidente dell’Associazione italiana avvocati di famiglia, l’Aiaf, prende un po’ le distanze: «Gli uomini separati sono sempre ritornati a casa, fa comodo, nella madre trovano una formidabile alleata. Tuttavia il problema c’è, per chi ha stipendi ridotti la separazione è un lusso». Le rotture matrimoniali, la recessione, i lavori precari e la stretta sui crediti pesano su questi fenomeni. «Fenomeni che cominciano da lontano – sostiene Anna Laura Zanatta, docente di Sociologia della famiglia alla Sapienza – C’è una generazione che esce tardi da casa, il 60% dei giovani tra i 25 e i 29 anni vive ancora con mamma e papà, così il 31% delle persone tra 30 e 34enni. Una “adolescenza” protratta che ha dato vita alle cosiddette famiglie “allungate”.

Ebbene, questa generazione, quando si sposa e fallisce il matrimonio, trova “normale” tornare nella casa d’origine». Così gli anziani si ritrovano dei figli-inquilini con i quali dover imparare nuove forme di convivenza.


Tratto dal Messagero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio