E’ partito il 10 maggio scorso, il progetto formativo sulla legalità dal titolo “Quali sono i diritti dei bambini”, in favore degli alunni della scuola primaria “Gennaro Barra” di Salerno, ove almeno 4 professionisti dell’AMI ( tra avvocati, psicologi, assistenti sociali etc..) in sinergia con il corpo docente, hanno illustrato ai bambini quali sono i loro diritti indicati nella Convenzione di New York.

Il progetto si svilupperà in tre giornate (nel mese di maggio) e dunque in tre appuntamenti aperti alle classe quarti e quinte(circa 70 bambini), al termine dei quali ne seguirà un grande momento conclusivo (nella prima settimana di giugno) per la presentazione dei lavori e la consegna degli attestati di riconoscimento agli alunni.

L’interessante iniziativa è  stata promossa dalla sezione distrettuale di Salerno dell’Associazione avvocati matrimonialisti italiani presieduta dall’avvocato Claudio Sansò coadiuvato dai legali Laura Fasulo e Marianna Grimaldi in collaborazione con il Dirigente Scolastico dell’Istituto Gennaro Barra, prof.ssa Annamaria Grimaldi e degli altri professionisti dell’AMI quali gli avvocati Carmen Dello Iacono, Clara Altieri, Antonella Cosma, Elettra Somma, Loredana Trivisone, Eleonora Tamburini e le psicologhe Paola Schiavo, Federica di Martino, Silvia Attanasi e la dottoressa Monia Monzo, assistente sociale.

I professionisti dell’Ami spiegheranno ai piccoli alunni quali sono i loro diritti fondamentali, così come sanciti dalla “convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” approvata il 20 novembre 1989; diritti che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e a tutte le bambine del mondo.

E’ fondamentale insegnare ai bambini che le regole non servono solo a prescrivere dei doveri, ma anche a garantire dei diritti e quanto sia importante il rispetto delle regole per favorire una civile convivenza. Tra tutti, in primo luogo vi è il diritto ad essere bambini.

Si tratta di un percorso di eccezionale rilievo che parte proprio dall’analisi delle difficoltà che investono oggi le famiglie e da tutte quelle influenze esterne che possono condizionare il bambino nella costruzione della sua identità e nella realizzazione di una sua effettiva socializzazione.

Per tale motivo, è importante informare i piccoli, sviluppare competenze comunicative ed espressive, educare all’ascolto, sensibilizzare all’accoglienza, imparare a conoscere meglio i propri compagni, favorire un atteggiamento di convivenza rispettosa, potenziare la consapevolezza di sé, sviluppare la creatività, acquisire una positiva capacità di problem solving, sostenere il lavoro degli insegnanti: queste le finalità che verranno sviluppate attraverso attività individuali e lavori di gruppo per i bambini affiancati anche dai docenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio