Anche se non sono ancora pervenuti dati ufficiali completi, una analisi della giurisprudenza, quale quella compiuta dall’associazione Crescere Insieme in un vasto campione, permette già di trarre significative conclusioni sull’applicazione dell’affidamento condiviso. Il tratto più rilevante è sicuramente quello di un’adozione sempre più ampia, quanto meno dell’istituto in sé. La documentano, oltre ai dati sulle separazioni che stanno pervenendo dalle cancellerie, le valutazioni dei magistrati stessi. Ad es., a Parma l’affidamento condiviso è stabilito nel 90% circa dei casi e a Firenze in oltre il 95%, anche considerando il rito contenzioso. La percentuale scende sensibilmente al sud, come a Pescara e a S. Maria Capua Vetere, soprattutto nel rito contenzioso, pur restando a valori ben superiori al vecchio affidamento congiunto. Accanto a questi motivi di soddisfazione di principio, restano tuttavia resistenze e diffidenze, che sul piano applicativo tendono a svuotare la riforma della sua carica innovatrice. Spesso, ad esempio, si utilizza la conflittualità come motivo sufficiente per non concedere l’affidamento condiviso. La stessa cosa si fa con l’età dei figli e con la distanza tra le abitazioni. Tutte circostanze a torto invocate, perché la legge non ne parla. La legge, all’articolo 155 bis, primo e secondo comma, inequivocabilmente stabilisce che un genitore può essere escluso dall’affidamento solo se di potenziale pregiudizio per il figlio: per sue carenze, e non per la relazione con l’altro. Analogamente, il mantenimento diretto della prole, strumento indispensabile per dare concretezza al rapporto genitori-figli ed effettività alla responsabilità genitoriale, è virtualmente ignorato, spesso anche dalle parti; e, se richiesto, respinto. Così come si ignora spessissimo il diritto del minore all’ascolto; e raramente si suggerisce la mediazione familiare, pur avendone facoltà. Oppure, la tendenza alla conservazione delle antiche abitudini giurisprudenziali si manifesta attuando provvedimenti in cui all’affidamento condiviso sono dati più o meno i medesimi contenuti del vecchio affidamento esclusivo: minimali contatti con uno dei genitori, compiti di cura riservati all’altro. Tutto questo, “nell’interesse del minore”. È una lettura sicuramente distratta e infedele della norma, la quale evidenzia al primo comma dell’articolo 155 il diritto primario dei figli a mantenere rapporti equilibrati e continuativi con entrambi i genitori, e solo al secondo comma, allo scopo di realizzare le finalità del primo – e non altre, ad esse alternative e con esse non compatibili – fa riferimento all’interesse del minore. La legge traduce la volontà popolare, che ha deciso, sovranamente, di ritenere preferibile per un figlio fare riferimento a due case pur di conservare un rapporto pieno con entrambi i genitori, piuttosto che sacrificarne uno sull’altare dell’unicità del riferimento abitativo e di gestione. Non appare quindi legittimo, se non altro sul piano della divisione dei poteri, che da parte di taluni operatori dell’ambito giudiziario si voglia scavalcare gli ambiti del potere legislativo, anteponendo al criterio della doppia genitorialità un concetto con essa incompatibile, che è quello della “stabilità”, ossia un solo riferimento abitativo, un solo riferimento educativo. Anche perché, lo si riconosca, la stragrande maggioranza dei figli di genitori non separati vive e cresce serenamente, d’abitudine, in una pluralità di ambienti e con una pluralità di stimoli: la scuola, frequentata anche al pomeriggio; le case di nonni e zii, dove si resta spesso anche a dormire.  All’atto pratico, questo voler giustificare valutazioni e scelte del tutto personali invocando l’interesse del minore, non fa altro che privare i minori stessi dei loro più importanti diritti: un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori e la possibilità di ricevere concretamente le cure di entrambi. Nasce da qui, comprensibilmente, la necessità di ritoccare la legge 54 in tutte quelle parti in cui una stesura di compromesso ha disseminato ambiguità e consentito interpretazioni certamente estranee allo spirito del legislatore. Varie proposte sono già all’attenzione del Parlamento e dovrebbero essere oggetto di discussione in tempi auspicabilmente brevi.


 


Marino Maglietta, Pres. Ass. Naz. Crescere Insieme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio