La Cassazione, con sentenza n. 8096 depositata in data 21/04/2015, ha stabilito che, in caso di occultamento dei redditi da parte di uno dei coniugi, l’accordo di separazione è soggetto a revocazione per dolo ex art. 395, n. 1 c.p.c. Il caso sottoposto all’attenzione della Suprema Corte, tratta di una coppia di coniugi che raggiungono un accordo in sede di separazione, omologato dal Tribunale. Successivamente la moglie, accortasi di essere stata ingannata dal marito relativamente alla reale condizione economica di questi, propone appello e impugna la decisione, chiedendone la revocazione. La Corte di Appello accoglie il ricorso e pronuncia la revocazione della sentenza impugnata. Il marito propone ricorso in Cassazione. La Cassazione, preliminarmente precisa che, nella separazione consensuale e nel divorzio congiunto, si stipula un accordo che, frequentemente, per i profili patrimoniali, si configura come un vero e proprio contratto. Di conseguenza, se tale accordo è nullo, tale nullità può essere fatta valere da chiunque vi abbia interesse, anche da chi ha dato causa a tale nullità. Nel caso di specie, invece, ritiene la Corte, sussistonoi presupposti della revocazione ex art. 395 n. 1 c.p.c. che si verifica quando viene posta in essere intenzionalmente un’attività fraudolenta consistente in artifizi e raggiri, diretti ed idonei a paralizzare o sviare la difesa avversaria e a impedire al giudice l’accertamento della verità, facendo apparire una situazione diversa da quella reale e, così, pregiudicando l’esito del procedimento. Il marito, infatti, ingannando la consorte con l’occultamento della sua reale situazione reddituale, ha ottenuto nell’accordo di separazione benefici che, diversamente,non avrebbe ottenuto. La Suprema Corte, pertanto, rigetta il ricorso del marito.

Avv. Marianna Grimaldi

Segretario AMI Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio