La Cassazione I Sez. Civile n. 20256/06 ha affermato che la circostanza che la ex moglie si dedichi alla prostituzione dopo la separazione non giustifica l’addebito verso la donna.


Con tale decisione l’ex coniuge si è visto respingere la sua richiesta, motivata sul presupposto che anche durante questa fase patologica del rapporto coniugale sussiste un dovere di reciproco rispetto tra i coniugi.


La Suprema Corte ha invece ribadito, per l’ennesima volta, che una qualsivoglia condotta, anche la più estrema, è motivo di addebito soltanto se risulti  accertato che ad essa sia riconducibile la crisi dell’unione matrimonilae. Quindi deve rappresentare un comportamento pregresso alla crisi della coppia, anzi la causa scatenante, e non semmai successivo e scaturente proprio dalla separazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio