Pubblichiamo uno stralcio del rapporto annuale della Caritas, dal quale si evincono le difficoltà economiche in cui versano i genitori separati.

Nel Rapporto è riportata una sintesi dei principali risultati della prima indagine nazionale
sulla condizione di vita dei genitori separati, finalizzata a far emergere soprattutto il legame tra
rottura del rapporto coniugale ed alcune forme di povertà/disagio socio‐relazionale. La rilevazione
ha coinvolto la rete Caritas e quella dei Consultori familiari d’ispirazione cristiana (afferenti alla
CFC, Confederazione Italiana Consultori Familiari d’ispirazione cristiana). Sono state realizzate 466
interviste a genitori separati, presso centri di ascolto (36,9%), consultori familiari (33,5%), servizi di
accoglienza (18,5%) e mense (8,2%). Dai dati empirici si evidenzia:
– un forte disagio occupazionale degli intervistati: il 46,1% è infatti in cerca di
un’occupazione;
– dopo la separazione: diminuisce notevolmente la percentuale di coloro che vivono in
abitazioni di proprietà o in affitto. Al contrario aumentano vistosamente le situazioni di
precarietà abitativa: cresce il numero di persone che vivono in coabitazione con familiari ed
amici (dal 4,8% al 19,0%), che ricorrono a strutture di accoglienza o dormitori (dall’1,5% al
18,3%), che vivono in alloggi impropri (dallo 0,7% all’5,2%);
– il 66,1% degli intervistati dichiara di non riuscire a provvedere all’acquisto di beni di prima
necessità (prima della separazione tale percentuale riguardava solo il 23,7% degli
intervistati); tra gli utenti Caritas tale percentuale sale all’81,7%;
– dopo la separazione aumenta il ricorso ai servizi socio‐assistenziali del territorio: centri di
distribuzione beni primari (49,3%), mense (28,8%) e gli empori/magazzini solidali (12,9%).
– dopo la separazione si evidenzia un aumento dei disturbi psicosomatici: il 66,7% degli
intervistati accusa infatti un numero più alto di sintomi rispetto al pre‐separazione;
– la separazione incide negativamente nel rapporto padri‐figli; il 68% dei padri intervistati
riconosce un cambiamento importante a seguito della separazione (a fronte di un
cambiamento percepito solo dal 46,3% delle donne); tra i padri che riconoscono un
cambiamento il 58,1% denuncia un peggioramento nella qualità dei rapporti (le madri al
contrario riconoscono per lo più un miglioramento).

http://s2ew.caritasitaliana.it/materiali/Pubblicazioni/libri_2014/Rapporto_poverta/Sintesi_Rapporto2014_impaginato.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio