Risvolti inquietanti in un asilo di Vallo della Lucania(SA), confermati i sospetti dei genitori, allertati dai bambini che non andavano più volentieri all’asilo, in particolare, che dichiaravano di “non voler più andare in pomeriggio” .


Imputata principale, oggi agli arresti domiciliari a Roma, suor Soledad, peruviana di ventiquattro anni, accusata di violenze e abusi su trenta bambini, accusata dai bambini medesimi di averli legati mani e piedi e di averli costretti a stare “in una stanza chiusa dove c’era una puzza…”, probabilmente un pollaio.


Sconvolgenti le minacce sui bambini violentati e poi terrorizzati: “ state zitti o ucciderò i vostri genitori”; costretti a stare per ore intere in castigo al buio in uno sgabuzzino.


Voci e dubbi che, già da qualche tempo, aleggiavano sui genitori, stupiti e preoccupati per i comportamenti dei propri figli.


 I riscontri incrociati sui dubbi delle mamme conducono la procura della Repubblica di Vallo a premere su un’inchiesta che ha già portato all’arresto della suora e che porta con se il sospetto di un giro di pedofilia e di film porno avente oggetto i bambini di quest’asilo.


Conferma finale si è avuta da scrupolose diagnosi dei medici pediatri: aniti, smegma e vaginiti, tutti termini tecnici rivelatori di infiammazioni dell’apparato ano-genitale dovute a sfregamenti violenti.


Storie di ordinarie violenze su minori che, tuttavia, scuotono il sonnechioso ambiente di provincia diviso tra voglia di giustizia e desiderio di mantenere il silenzio per salvare “l’onore del paese” ma soprattutto scoramento e sgomento dinanzi a pedofilia e violenze provenienti da una donna ad onta di quell’ istinto materno che avrebbe dovuto possedere naturaliter e che (ci viene il dubbio) esiste ancora?


Ovviamente tutto questo è ancora un’ipotesi da verificare con un regolare processo penale.


Ma gli elementi fin qui raccolti sono inquietanti.


In ogni caso, a prescindere da ogni considerazione, resta in piedi la presunzione di innocenza.


Staremo a vedere, con la speranza che sia solo un brutto sogno.


È certo, però, che ormai il pedofilo non appartiene soltanto al genere maschile.


Le statistiche lo confermano. Senza alcun dubbio.


La violenza non ha sesso.


La violenza non ha ceto o collocazione geografica.


 


 


 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio