Decisione importante quella assunta dalla Corte d’Appello con la sentenza nr. 4 del 17.02.2020, che ha dichiarato cessato e revocato l’obbligo stabilito, nella sentenza di divorzio (e già prima in fase di separazione) a carico del marito di versare all’ex moglie l’assegno divorzile, con effetti dal deposito della domanda di revoca.

La Corte ha valutato una serie di elementi dai quali è possibile desumere l’indipendenza economica ed “affettiva” della donna che hanno portato dopo tanti anni alla revoca dell’assegno divorzile.

La Corte ha sottolineato la natura perequativa – compensativa dell’assegno. Essa  discende direttamente dal principio costituzionale di solidarietà e conduce al riconoscimento di un contributo volto a consentire al coniuge richiedente NON il conseguimento dell’autosufficienza economica sulla base di un parametro astratto, bensì il conseguimento di  un livello reddituale adeguato al contributo fornito alla formazione del patrimonio comune e personale di ciascun coniuge e al sacrificio delle aspettative professionali che l’avente diritto ha subito per scelta comune dei coniugi che uno di loro si dedicasse esclusivamente alla famiglia.

La Corte, nel caso di specie, ha esaminato la situazione economica rilevata dall’accertamento della Guardia di Finanza ed ha posto l’attenzione sulla circostanza data dal fatto che la moglie si era separata in giovane età, non era affetta da patologie invalidanti e disponeva di conti bancari e postali con cui evidentemente gestiva le sue entrate e le sue spese (diversamente non si comprenderebbe l’esigenza di aprire i conti).

Nei vent’anni trascorsi dalla separazione costei aveva certamente avuto la possibilità di migliorare la sua posizione. Peraltro, lo stile di vita della stessa ha fatto ritenere un’autonomia economica e un livello reddituale adeguato che hanno fatto venir meno uno dei presupposti del riconoscimento dell’assegno divorzile.

Stante la natura non alimentare dell’assegno e la necessità di non far ricadere sulla parte ricorrente gli effetti negativi della durata del giudizio è stata disposta la revoca con effetti sin dalla proposizione della domanda. Ne è seguita anche la soccombenza alle spese.

Avv. Maria Sinagra – Responsabile Territoriale A.M.I. Patti.

Corte di appello del 7 febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio