Moglie separata e convivente con un altro uomo? Bisogna tenerne conto quando si deve decidere sull’attribuzione dell’assegno di mantenimento a carico del marito. Anche a prescindere dalla valutazione, in dettaglio, delle rispettive condizioni economiche degli ex coniugi, e del contributo dato dal convivente. La decisione definitiva arriva dal Tribunale, che, così come richiesto dalla donna, ufficializza la separazione personale dei coniugi, addebitandone all’uomo la causa.

Questione chiusa? Niente affatto. Perché è proprio la donna a chiedere un’ulteriore pronuncia in Appello. Che, però, conferma quanto deciso in primo grado. Il nodo è relativo ai rapporti economici, ovvero l’assegno di mantenimento. A tale proposito, i giudici d’Appello, mantenendo immutate le condizioni stabilite dal Tribunale, chiariscono che alla base di questa decisione ci sono tre ragioni: primo, «l’accollo» da parte dell’uomo «dell’onere di conduzione della casa coniugale»; secondo, «la contribuzione esclusiva» dell’uomo «per il mantenimento dei figli»; terzo, «la convivenza» della donna con un collega di lavoro, «beneficiario di un reddito superiore per effetto di parallela attività professionale».

Sul nodo economico, non a caso, si concentra anche il ricorso presentato in Cassazione dalla donna, che contesta nettamente la decisione assunta in Appello. La ricorrente critica «la rilevanza attribuita alla convivenza» con un altro uomo all’interno della «comparazione fra le posizioni economiche degli ex coniugi», soprattutto tenendo presente la «assenza di prova circa il reddito» del nuovo convivente, gravato, a sua volta, «dall’onere di corresponsione degli assegni di mantenimento in favore di moglie e figlie». Secondo la donna, la ricostruzione presentata dai giudici di Appello non è aderente alla realtà dei fatti. Quindi, anche la decisione sull’assegno di mantenimento è da rivedere.

L’elemento centrale della vicenda, è evidente, è proprio la convivenza della donna con un altro uomo. Con tutto ciò che essa comporta. A certificare questa situazione ci sono elementi diversi, non solo testimonianze ma anche, addirittura, il prospetto contabile di un condominio e la sentenza di separazione del convivente della donna. Ma ciò che conta davvero, affermano i giudici della Cassazione, ragionando su un presunto divario economico tra marito e moglie oramai lontani, sono le «condizioni economiche ed affettive» della donna: quest’ultima, in particolare, ha beneficiato di risparmi maggiori «per effetto degli oneri economici» assunti dall’ex marito «per il mantenimento dei figli».

Peraltro, secondo i giudici, non è rilevante il reddito ufficiale del convivente – che, comunque, registra una doppia entrata –, ma è molto più decisivo l’elemento stesso della convivenza «del coniuge separato con altra persona» nella valutazione della richiesta dell’assegno di mantenimento. Alla luce di queste considerazioni, il ricorso della donna viene rigettato dalla Cassazione, che conferma quanto deciso dalla Corte d’Appello.


LA STAMPA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio