L’aumento dei procedimenti di separazione o di divorzio, ha reso frequente gli accertamenti disposti in sede civile per stabilire quale sia la situazione ottimale del minore nella causa di affidamento ad uno o all’altro genitore o circa il regime di visita del bambino presso il genitore non affidatario. La separazione coniugale prevede due forme: consensuale o giudiziale. Nella separazione consensuale i coniugi si accordano circa gli aspetti futuri della loro relazione o dell’affidamento dei figli: se il loro accordo non danneggia quest’ultimo il giudice provvede ad omologarlo.


 


La separazione giudiziale, poiché i coniugi non hanno raggiunto un accordo, prevede l’intervento del giudice che deciderà. L’affido dei figli rappresenta spesso il punto centrale della nascita di un conflitto. Bambini chiesti in ostaggio per continuare a controllare il partner, oppure quali finanziatori per avere una rendita mensile oppure concessi per mettere a disagio l’altro coniuge. Tutto ciò crea ulteriore dolore e sofferenza nei bambini.


 


Nel caso in cui insorgano contrasti o conflitti circa l’affidamento dei figli o circa il regime di visita del bambino presso il genitore non affidatario oppure nel caso di problematiche psicopatologiche relative ad uno od ad entrambi i genitori, il giudice istruttore dispone una consulenza tecnica d’ufficio necessaria, al fine di comprendere la situazione familiare e quindi decidere nell’interesse del minore.


 


L’indagine può articolarsi nei seguenti punti:


1)                     verificare l’esistenza o meno di una patologia di mente in uno o entrambi i genitori e vedere se la gravità di tale malattia può escludere o invalidare la idoneità affettiva del genitore che chiede l’affidamento,


2)                     indagare sulla presenza di comportamenti devianti,


3)                     analizzare i vissuti di entrambi i genitori nei confronti dei figli,


4)                     studiare la dinamica di coppia nei suoi riflessi sui figli,


5)                     analizzare i vissuti dei bambini nei confronti dei genitori, sia positivi che negativi,


6)                     indagare la costellazione familiare nelle sue componenti sociali, culturale, economica e lavorativa.


 


Fino ad alcuni anni fa la malattia mentale di un genitore veniva considerata ostativa ad un eventuale affido, sulla base di ricerche che evidenziavano come la malattia mentale avesse un carattere disturbante per il minore. Si è evidenziata la comparsa di problematiche comportamentali e psicopatologiche nei figli di genitori portatori di patologie psichiatriche di rilievo in rapporto alla inadeguatezza relazionale, e alla trasmissione di una visione del mondo sofferta ed alterata. In particolare la “carenza di cure materne” derivata o da un allontanamento dalla madre nei primi mesi di vita o da un rapporto discontinuo e sofferto possa produrre nel minore gravi danni psicologici. Durante il primo periodo di vita è indispensabile la presenza di una madre oblativa ed affettiva grazie alla quale il minore può contenere la propria aggressività ed in assenza della quale in futuro, al contrario, potrà sviluppare sentimenti di abbandono, di instabilità.


 


Spesso la carenza di cure e la inadeguatezza relazionale sono presenti anche in famiglie apparentemente normali. Infatti le famiglie patogene non sono identificabili solo in quelle connotate dal punto di vista psichiatrico o psicologico da patente sofferenza psichica di un genitore, ma in molti casi in nuclei apparentemente normali. Nella “famiglia schizogena” connotata da modalità relazionali e dialogiche così distorte da contribuire alla genesi e alla slatentizzazione di disturbi dissociativi a carico dei figli. Di recente contributi di matrice psicanalitica hanno mostrato come la patogenicità della famiglia si possa identificare non tanto nella malattia di un suo membro quanto in più sottili messaggi dialogici e affettivi. Studi clinici hanno rilevato come fattori relazionali “distorti” sia in eccesso che in difetto possono avere un carattere patogeno. Si può affermare che “per la famiglia del sofferente psichico sembra difficile riconoscere aprioristicamente connotazioni di inidoneità educativa pur dovendosi tenere conto della particolare problematicità della stessa, dovendo verificare di conseguenza le risorse affettive e pedagogiche che i singoli nuclei ed individui mostrano nel corso del tempo”. Può accadere che un genitore, pur essendo portatore di una patologia psichiatrica riesca ad istaurare un valido rapporto con il figlio sopperendo con l’affettività alle carenze derivanti dal suo status: con le attuali terapie farmacologiche e psicoterapeutiche è possibile garantire al sofferente psichico ampi spazi di responsabilità ed autonomia e che ogni patologia non è statica ma presenta periodi in cui il soggetto può essere adeguato alle esigenze della vita di relazione e di famiglia. Allo stato attuale, vi è la tendenza a non considerare come negativo il genitore affetto da patologia mentale e ad integrare la diagnosi del caso con la verifica delle possibilità terapeutiche realizzabili e a valorizzare gli spazi di affettività e di dialogo che il disturbo in atto può consentire al rapporto tra genitore e figlio.


Dott.ssa Cesira Cruciani


            __________________________


            Bibliografia


1.      U. Fornari, Psicopatologia e Psichiatria. Utet, Torino 1989.


2.      L.Cancrini, Organizzazione delle relazioni interpersonali nelle famiglie con un portatore di disturbo mentale. In: Malagoli M. Togliatti, Disagio mentale e validità genitoriale. Bulzoni, Roma 1988.


3.      J. Bowlby, Attaccamento e perdita. Boringhieri, Torino 1973.


4.      T. Bandini, M. Lagazzi, Lezioni di Psicologia e Psichiatria Forense. Giuffrè, Milano 2000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Evento interdistruttuale tra dell’AMI di Potenza e l’AMI di Bari. Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio