Gli ultimi orrendi episodi, che si sono verificati nell’ambito di coppie miste composte da una donna italiana ed un marito di religione islamica, offrono una fotografia impietosa delle oggettive difficoltà relazionali che ci sono nei matrimoni e nelle coppie miste.


 


“Lungi dal criminalizzare la cultura islamica ed etichettarla sbrigativamente come ‘violenta’ (atteso che gli italiani in fatto di violenza familiare sono tra i peggiori d’Europa), gli ultimi episodi che hanno visto protagonisti in negativo mariti e fidanzati marocchini in danno di donne italiane mettono chiaramente in luce i reali motivi per cui il 70% tra matrimoni e convivenze miste finisca in separazione o in processi penali” dice il presidente nazionale Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani avv. Gian Ettore Gassani. “In particolare l’episodio del quarantenne marocchino che ha accoltellato all’addome la compagna incinta bergamasca – continua – dimostra quanto, ad oggi, le profonde differenze culturali, esistenti tra le donne italiane e i mariti/compagni dei Paesi maghrebini, mettano queste unioni tra quelle assolutamente a rischio”.


 


In Italia ogni anno si celebrano circa 30 mila matrimoni misti: quasi 5.000 riguardano coppie composte da un coniuge italiano ed un cittadino di fede islamica. Nell’85% dei casi questi ultimi matrimoni finiscono davanti ad un giudice.


 


“Le ragioni di fondo di queste violenze sono legate alla religione: in particolare alla pretesa del marito islamico di far convertire la moglie al Corano, di educare i figli secondo la cultura islamica, di imporre il velo alle mogli, di impedire alle mogli di frequentare amici e conoscenti italiani, di imporre a mogli e figli di mangiare solo carne macellata secondo la tradizione islamica, di impedire alle mogli il possesso delle chiavi di casa. Si tratta, quindi, di ragioni che inevitabilmente portano allo ‘scontro di civiltà’. L’AMI propone, ancora una volta, l’istituzione di centri di mediazione per le coppie miste e la organizzazione, per queste ultime, di corsi pre-matrimoniali gratuiti, finalizzati alla cultura del reciproco rispetto. In mancanza di tale politica sociale, alle numerose violenze perpetrate dai coniugi italiani nei confronti delle mogli, si aggiungeranno paurosamente le violenze perpetrate dagli uomini islamici nei confronti delle consorti e delle compagne italiane”, chiude Gassani.       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Nov
21
gio
15:00 Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Bullismo e cyberbullismo, i nuov... @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Nov 21@15:00–19:00
Bullismo e cyberbullismo, i nuovi volti della violenza tra i giovani @ Città di Castello, Salone Gotico del museo del duomo
Evento in via di accreditamento dal COA di Perugia locandina convegno 21.11.2019Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Nov
29
ven
09:00 XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI – LE ... @ Residenza di Ripetta - Roma
Nov 29@09:00–Nov 30@18:00
XI CONGRESSO NAZIONALE AMI - LE PERSONE NELLA RETE: "CONNESSIONE AD ALTO RISCHIO" @ Residenza di Ripetta - Roma
Scarica AMI_ManiROMA_Unico_ev (3) AMI – XI CONGRESSO NAZIONALE_ev (1) Programma Congresso   EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio