ROMA – Negli ultimi dieci anni in Italia c’é stato un grande incremento delle separazioni (57,3%) e dei divorzi (74%). Nel 2005, tuttavia, si è riscontrata una leggera flessione delle separazioni rispetto all’anno precedente (-1,1%), mentre i divorzi hanno continuato a crescere (+4,3%). Sono questi i dati delle indagini annuali dell’Istat su separazioni e divorzi, condotte presso le cancellerie dei 165 tribunali civili. Nel 2005, ultimo anno di riferimento, si sono registrate 5,6 separazioni e 3,2 divorzi ogni mille coppie coniugate. La tipologia di procedimento più comunemente scelta dai coniugi è quella consensuale: l’85,5% delle separazioni e il 77,6% dei divorzi.



Un procedimento consensuale si chiude mediamente in circa 150 giorni, mentre con il rito contenzioso occorrono in media 886 giorni per la separazione e 634 giorni per il divorzio. La durata media del matrimonio “fallito” è di 14 anni, mentre all’atto della separazione i mariti avevano mediamente 43 anni e le mogli 40. Aumentano le separazioni delle coppie con coniugi con diversa cittadinanza, mentre sempre alto è il numero di figli coinvolti nella crisi coniugale, quasi 100 mila nelle separazioni del 2005 e circa 45 mila nei divorzi.



Fonte ANSA



Ogni anno l’Istat conduce un’indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi ad ogni singolo procedimento concluso dal punto di vista giudiziario nell’anno di riferimento.



Il presente lavoro descrive l’evoluzione temporale dei due fenomeni, il tipo e la durata dei procedimenti, la durata dei matrimoni e l’età dei coniugi alla separazione, il numero di figli coinvolti, l’affidamento di quelli minori di 18 anni e i provvedimenti economici stabiliti, quali il contributo per il mantenimento e l’assegnazione della casa coniugale.



Fonte ISTAT



La ricerca integrale dell’ISTAT è visionabile su


http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20070626_01/testointegrale.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio