Si sono quadruplicate, in un anno circa, le segnalazioni al Garante per l’infanzia e l’adolescenza per casi di violazione o di rischio di violazione dei diritti di minori: lo rende noto la stessa Autorità, nella Relazione al Parlamento presentata oggi. Dal marzo 2012, quando il Garante ha cominciato a essere pienamente operativo, fino al 31 dicembre 2013, sono pervenute all’Autorità 238 segnalazioni, di cui 45 nel 2012 e 193 nel 2013. La maggior parte delle segnalazioni (95) proviene dai genitori, con una sostanziale parità tra padri e madri. Numerose anche le segnalazioni giunte da “cittadini”, singoli o gruppi che hanno scelto di presentarsi in questo modo.

Poche le segnalazioni anonime. Nessun minorenne si è rivolto direttamente al Garante, sebbene questa opzione sia giustamente prevista e promossa dalla legge istitutiva. Le criticità segnalate più di frequente sono quelle tra privati e istituzioni (64,3%): riflettono un malumore diffuso e un sentimento di sfiducia negli organismi e negli operatori dello Stato e degli Enti locali competenti ad intervenire, che investe i cittadini coinvolti soprattutto in problematiche di tipo familiare. Vengono attaccate duramente le comunità, non comprese nella loro valenza educativa; contestati aspramente i provvedimenti dei Tribunali per i minorenni in ambito civile; svalutato, talvolta sin quasi fino all’oltraggio, il lavoro degli operatori del servizio sociale.

Alta è anche la conflittualità tra privati, prevalentemente tra genitori. Sono emblematiche, in tal senso, le 55 segnalazioni all’Autorità che riguardano i figli contesi tra genitori a seguito della loro separazione che, unite alle 14 relative ad altrettanti episodi di sottrazione internazionale di minorenne, costituiscono il 36% del totale delle segnalazioni pervenute nel corso del 2013.

Rilevanti per il numero che raggiungono (42) sono anche le segnalazioni che riguardano i media: soprattutto programmi televisivi andati in onda sulle reti nazionali pubbliche e private che non appaiono adatti a un pubblico di minori o trailer ritenuti altrettanto inappropriati alla visione dei più piccoli, proposti nelle sale cinematografiche prima delle proiezioni di film per bambini. In questi casi, l’Ufficio ha inoltrato la segnalazione per competenza al Comitato media e minori. Delle 193 segnalazioni del 2013, 38 sono state inoltrate ai Garanti Regionali e delle Province autonome per competenza territoriale, e hanno riguardato in particolare tematiche scolastiche e di figli contesi. Il Garante Regionale al quale sono state inviate più segnalazioni è quello del Lazio

Una risposta a Infanzia: quadruplicate le segnalazioni al Garante. La maggior parte per conflitti con enti pubblici e figli contesi

  • francesca bacci scrive:

    Purtroppo e’tutto vero .ci sono trattati , documenti internazionali , osservatori ecc ecc ma in pratica nessuno da voce ai minori .sono lasciati alla merce’di adulti che tirano acqua al proprio mulino , privandoli dei piu’elementari sacrosanti diritti , subendo inermi abusi senza nessuna tutela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio