Le violenze domestiche sono la seconda causa di morte in gravidanza, per le donne di età compresa fra i 15 e i 44 anni. A denunciarlo è l’AOGOI di Milano cne nei giorni scorsi ha presentato un vademecum per un’assistenza sanitaria adeguata.
Secondo studi recenti il 40-50% delle donne affette da patologie correlate ha una storia di abuso fisico e sessuale.Un terzo delle donne affette da depressione grave ha subito violenza da parte del partner. Una indagine Istat, commissionata dal Ministero delle Pari opportunità rivela che sono oltre 14 milioni le donne che hanno subito violenza fisica, sessuale o psicologica nel corso della loro vita.La maggior parte di queste violenze sono ad opera del partner, e oltre il 90% non è stato denunciato.Solo nel 25% dei casi la violenza è stata perpretata da uno sconosciuto.L’età media si è notevolmente abbassata:il 6,6% ha subito uno stupro prima dei 16 anni.
Il Ministro della Salute ha assicurato di essere intenzionata ad attivare sportelli anti-violenza in tutto il territorio nazionale. Nella città di Milano opera dal 1996 un Soccorso violenza sessuale che ha assistito 2.263 donne, in gran parte maggiorenni.
Sempre più numerose sono le vittime straniere da parte di datori di lavoro o sedicenti amici che approfittano di una condizione di squilibrio economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio