Si moltiplicano le iniziative in favore dei padri separti in seria difficoltà economica dopo la separazione coniugale. 


E’ questo un problema sempre più sentito nella nostra società che fotunatamente, grazie alla sensibilizzazione di associazioni operanti nei territori, a contatto con le realtà locali, si sta cercando di risolvere. 


La condizioni della separazione coniugale in alcuni casi manda letteralmente in rovina i padri che si trovano nell’impossibilità di condurre una vita dignitosa ed a reperire un’abitazione consona alle loro esigenze.


Padri che non possono dignitosamente assistere ed ospitare i propri figli perchè privi di un’abitazione, vista l’impossibilità di pagare un canone di locazione. Posti dinanzi all’alternativa di non adempire alle rate del mutuo della casa coniugale, per poterne fittare un’altra ovvero vivere in macchina, scelgono la seconda strada per non privare i figli del loro ambiente naturale. 


Dati impressionanti quelli raccolti dall’associazione Famiglie Separate Cristiane su padri in difficoltà nel milanese che hanno spinto la onlus a collaborare attivamente al progetto della Provincia di Milano di aprire una casa per il papà separato a Rho.


Tale struttura è stata inaugurata a Rho il 15 maggio u.s. 


Questa ennesima iniziativa, successiva agli esempi positivi di Genova, Aosta e Roma, ha il compito non solo di aiutare economicamente i padri, ma anche di rendere entrambi i genitori protagonisti insieme dell’educazione dei figli. e fornire ai padri un luogo dignitoso dove stare con i loro figli.



Avv. Claudio Sansò


AMI SALERNO

2 risposte a INAUGURATA UNA CASA PER PADRI SEPARATI A RHO

  • giannino scrive:

    quello che chiedo??? e come si può contattarvi oppure essere contattati,
    appunto sulle problematiche di noi separati, e se vi e un ente, o un qual cosa che possano darci un aiuto, sia morale che giuridico,,,,per non morire da soli,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
14
ven
15:45 IL DIRITTO PENALE NELLA FAMIGLIA... @ Aula F. Miro Tribunale di Taranto
IL DIRITTO PENALE NELLA FAMIGLIA... @ Aula F. Miro Tribunale di Taranto
Giu 14@15:45–19:00
 Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio