Nel nostro Paese si è discusso e si discute tuttora di figli, naturali o legittimi, incestuosi o adulterini, ma ancora più ampio è stato il dibattito in merito alla fecondazione assistita, eterologa o omologa.

Ma quanto costa in Italia la fecondazione assistita? La media è di 12.300 euro, con un valore minimo di 6.900 euro in Emilia Romagna e un valore massimo di 15.600 euro in Lombardia.

In questi valori rientrano i costi necessari per la terapia riproduttiva a cui viene sottoposta la coppia, oltre alle spese per la gravidanza, le visite, le ecografie, gli esami, i relativi eventuali ricoveri. Oltre ai costi dovuti alle complicanze delle gravidanze plurime e delle iper stimolazioni. Infine, quelli del parto vero e proprio, che e’ generalmente cesareo, e quelli delle complicanze sui nascituri.

Questi dati sono emersi da un’indagine sulla procreazione medicalmente assistita (Pma) condotta dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari. I dati (raccolti tra il 1 gennaio 2011 e il 30 giugno 2012) sono il frutto dell’elaborazione di 96 risposte a questionari, su un totale di 351 centri dell’elenco del Registro Nazionale Procreazione Medicalmente Assistita. Sottraendo i costi che riguardano la gravidanza, il parto e le eventuali complicanze nel neonato, sottolinea la ricerca, presentata oggi alla Camera dei deputati, si ottiene la somma che pagano le famiglie che fanno ricorso al privato, che oscilla fra i 3000 e i 4000 euro. A pagarli di tasca propria, se non optano per la mobilita’ passiva, sono in particolare i cittadini che vivono al Sud e nelle isole, dove i centri sono per lo piu’ privati.

Il rimborso medio nazionale corrisposto dalle ASL,per una procedura di fecondazione in vitro, e’ pari a 1.934 euro. Una bazzecola.

Le donne che si sono sottoposte al trattamento nel periodo preso in esame dalla ricerca sono state 50.900. Di queste, 37.322 erano residenti nella stessa regione del centro di Pma, mentre 13.578 hanno dovuto migrare verso altre regioni, con conseguenti costi e disagi: il 48 per cento ha scelto il Nord-ovest.

I nati dal “vitro” rappresentano il 2,2 per cento dei nuovi nascituri.

Nel Sud e nelle isole si concentra il maggior numero di centri privati (con 7 centri su 16), mentre il maggior numero dei privati convenzionati si trova in Lombardia, con 9 centri su 10 appartenenti a questa tipologia.

Ne consegue che spesso al Sud le coppie pagano di tasca loro oppure sono costrette a fare lunghi viaggi della speranza verso i centri del Nord che vengono pagati dalle regioni a scarsa dotazione (come Sicilia e Calabria) alle regioni ad alta dotazione (Lombardia, Emilia Romagna). Sono stati quasi 60mila, complessivamente, i cicli di fecondazione portati completamente a termine tra il 1 gennaio 2011 e il 30 giugno 2012.

Avv. Claudio Sansò

Presidente AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio