Si è rivelata una trappola l’amicizia virtuale di un 50enne trentino, sposato con figli, con una avvenente coetanea conosciuta in un social network. La donna avrebbe cominciato a ricattarlo minacciando di rivelare i contenuti dei loro messaggi amorosi.

Alla fine, dopo la denuncia ai carabinieri, la donna invece di ricevere i soldi pattuiti per mantenere il silenzio (ben 10mila euro), è stata arrestata in flagranza di reato per estorsione. La vicenda è nata con uno scambio reciproco di foto e messaggi ed è proseguita con conversazioni più intime e riservate.

Sono seguiti scambi di apprezzamenti e, infine, una serie di appuntamenti per bere qualcosa insieme. A questo punto però, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la donna ha cominciato a dire di sentirsi importunata dalle attenzioni del corteggiatore virtuale e ha finito per chiedergli, con sempre maggiore insistenza, 5mila euro minacciando la divulgazione dei messaggi. Il timore di vedere compromesso il proprio matrimonio e la necessità di salvaguardare una buona reputazione tra la gente del paese ha spinto l’uomo a chiedere un prestito ad una banca.

Quando però la donna ha rincarato la dose e preteso 10mila euro al posto dei 5mila accordati, il 50enne ha acquisito la consapevolezza di essersi cacciato in un vicolo cieco e ha deciso di rivolgersi ai carabinieri. Così ieri, al primo appuntamento reale al ristorante, fra gli avventori c’erano anche i militari i quali hanno assistito alla consegna del denaro. Da qui l’arresto della donna. Le indagini non sono ancora concluse: l’obiettivo degli inquirenti è poter stabilire se sia stato un caso isolato o se altri uomini possano essere già caduti nella trappola virtuale.

FONTE: Il Mattino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio