La motivazione «La coppia è già gravata dalla malattia dell’ altro bimbo»




MILANO – «Non è ritenuta idonea»: quando hanno aperto la raccomandata Elena e Patrick non ci volevano credere. Rilessero, insieme. Non avevano letto male. Sposati dal 2004 dopo anni convivenza, 36 anni lei, 38 lui, un figlio di sei, buon lavoro per entrambi, casa nel Varesotto, avevano fatto domanda di adozione internazionale. Negata dal Tribunale dei minori di Milano. Carabinieri, servizi sociali e psicologo incaricato dall’ Asl avevano dato parere favorevole. Contrario solo il pubblico ministero: «La coppia, già gravata dalla malattia del figlio naturale» non può «essere gravata anche da problematiche e rischi che l’ adozione internazionale potrebbe comportare». Il figlio ha infatti una forma di epilessia, la sindrome di Dravet. «La prima crisi a sei mesi e fino ai tre anni è stata dura. È borderline per la sua malattia: va all’ asilo, ha un maestro di sostegno, un lieve ritardo psicomotorio, un disturbo dell’ attenzione, è iperattivo. So che sembra assurdo, ma non potevamo sperare di meglio». Elena si illumina parlando del figlio: «Quando lui entra in classe è come se entrasse il sole». La sentenza è stata impugnata in Appello, previsto per domani. «Nasce da un pregiudizio sulla disabilità, in contrasto con Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, Costituzione e legge 67/2006, che vieta la discriminazione a causa di disabilità. E la decisione della Corte d’ Appello si porrà come precedente al quale fare riferimento», spiega Rosa Cervellione, presidente della Federazione Italiana Epilessie. Di diverso parere Mario Zevola, presidente del Tribunale dei Minori: «Curiamo gli interessi dei minori. Si cercano le coppie che garantiscano le migliori condizioni e non determino problemi ai bambini abbandonati». L’ avvocato Cesare Rimini, uno dei più esperti in Italia sul diritto di famiglia, è cauto: «Occorre conoscere bene i casi, ma è inutile pensare di dare al bambino una famiglia da “Mulino bianco”. Il fatto che la coppia abbia però superato positivamente altre prove è cosa che qualifica e non squalifica. Fondamentali sono qualità e disponibilità dei genitori». Patrick è sul campetto di calcio ad allenare i ragazzini del paese: «Vorrei chiedere al giudice che ha deciso di venire a vedere come viviamo. E fargli conoscere nostro figlio: è meraviglioso».


Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio