Stop ai provvedimenti choc nei confronti dei figli contesi. Rischia l’ammonimento il procuratore presso il Tribunale dei minori che, in un giorno di festa, fa “prelevare forzosamente i bambini” dalla casa della madre per “consegnarli al padre” o che li ascolta insieme a un consulente.
Insomma, secondo le Sezioni unite della Cassazione che, con la sentenza n. 23668 del 9 novembre 2009, hanno dato ragione al Csm, i provvedimenti troppo interventisti di un PM dei minori non sono previsti dalla legge.


CASSAZIONE.NET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio