Il genitore che parla male dell’altro, dinanzi ai figli,  può subire la modifica dell’affidamento condiviso. E’ quanto sancito dalla Corte di cassazione  (Sezione I civile – Sentenza 8 marzo 2013 n. 5847).

Un padre di Catania, dopo aver avuto l’affidamento dei bambini, l’assegnazione della casa coniugale e il pagamento dell’assegno da parte della ex (la quale aveva anche subito un provvedimento che ne limitava gli incontri con i figli), ha perso su tutti fronti, ed ora dovrà pagare il mantenimento, alla ex, a seguito della decisione della Corte di appello (confermata in Cassazione).

 Sulla scorta di una relazione medica del servizio di psichiatria della Asl di Catania, che ha diagnosticato “una sindrome da alienazione parentale dei figli ed evidenziava il danno irreparabile da essi subito per la privazione del rapporto con la madre” , i giudici di secondo grado hanno ribaltato la sentenza del Tribunale. Dalla relazione è inoltre emerso che il padre poneva in essere “la reiterata condotta ostruzionistica al fine di ostacolare in ogni modo gli incontri dei figli con la madre” e che, tutto ciò, ha determinato“un giudizio negativo circa le attitudini genitoriali”.

Avv. Claudio Sansò

Coordinatore Nazionale AMI

Presidente AMI SALERNO

Una risposta a Il padre che parla male della madre perda l’affidamento condiviso (diagnosi di PAS)

  • Maccarrone salvatore scrive:

    Ma che sono bravi. A me è successo che la madre ha convinto mio figlio di tre anni a non andare con il padre per due anni, come mai la Corte d’appello ha fatto orecchio da mercante ed a oggi non si è pronunciata? Occorre il mitra. Parlo di Catanzaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Gianni Loiacono
    "RIFORMA PILLON. La riforma sembrerebbe un fatto positivo perché da... "
    Leggi tutto...
  •  marco
    "esatto conosco diversi casi in cui gli assistenti del comune... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Nov
16
ven
14:30 L’ESCALATION DEGENERATIVA DAL RE... @ Federazione Marchigiana BCC
L’ESCALATION DEGENERATIVA DAL RE... @ Federazione Marchigiana BCC
Nov 16@14:30–19:30
LOCANDINA CONVEGNO STALKING_16.11.18 Sono previsti tre crediti formativi per gli avvocatiCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
15:00 Tavola rotonda AMI BARI LA CARTA... @ Aula Magna Corte di Appello di Bari
Tavola rotonda AMI BARI LA CARTA... @ Aula Magna Corte di Appello di Bari
Nov 16@15:00–19:00
Evento gratuito accreditato dall’ORDINE DEGLI AVVOCATI BARI (3 crediti formativi) ed in corso di accreditamento presso l’ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI PUGLIACondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
15:30 LA CARTA DEI DIRITTI DEI FIGLI N... @ Bari - aula magna Corte d'Appello di Bari
LA CARTA DEI DIRITTI DEI FIGLI N... @ Bari - aula magna Corte d'Appello di Bari
Nov 16@15:30–19:00
Evento accreditato dall’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI (3 crediti formativi) e  dall’ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI PUGLIA (3 crediti formativi). AMI Bari 16 nov 2018 sk iscrizione convegno BariCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio